domenica 28 giugno 2015

Casa Campania a Expo Milano 2015

A Expo Milano 2015 tra Arte e Cultura le prelibatezze della Gastronomia Campana.
Il meglio del Distretto Enogastronomico della Campania, istituito dall’amministrazione comunale di Palma Campania
in esposizione ad Expo Milano 2015.
Eventi di arte e cultura si sposano a ingredienti naturali, ortaggi ed una ricca selezione di prodotti tipici, per celebrare le meraviglie alimentari della Campania.
www.comunicatistampa.net
Palma Campania, 27-06-2015 - Riscoprire gusto e sapori tradizionali è il filo conduttore di Casa Campania, format ideato da Mario Esposito nel calendario delle iniziative per il Ventennale del Premio “Arturo Esposito”®, che in queste ore ad Expo Milano 2015 ha acceso l’interesse su due punti di forza della regione Campania: arte e cucina.
Nello spazio istituzionale La Piazzetta di Padiglione Italia è stato presentato il Distretto Enogastronomico di Qualità, istituito dall’amministrazione comunale di Palma Campania (Na) sotto la guida del sindaco Vincenzo Carbone.
Con l’occasione è stato ideato e presentato lo speciale Menù Expo Milano che potrà essere gustato nei ristoranti aderenti al distretto.
Ingredienti naturali, ortaggi, frutta secca, noci e tutta una ricca selezione di prodotti tipici a chilometro zero sono gli elementi di forza caratterizzanti le composizioni dei giovani chef emergenti: Giovanni Cassese, Michele Ammaturo, Giuseppe Bellarosa, Salvatore Miranda.
L’assessore della cittadina vesuviana Nello Donnarumma commenta:
La presentazione del distretto enogastronomico, tenuto a battesimo proprio in una sede tanto importante quanto cosmopolita, rappresenta un volano decisivo per Palma Campania e un’attrattiva per tutti coloro che vogliono scoprire il nostro territorio, grazie ad un sapiente connubio delle diverse realtà della nostra ristorazione. Lo scopo non è quello di promuovere la singola attività ma di accendere un riflettore sulla territorialità nella sua interezza”.
L’evento presentato dal direttore artistico Mario Esposito e dall’attore Antonio Salvoni (che ha anche omaggiato il pubblico di una performance interattivo-teatrale), è stato suggellato dall'esibizione artistico-gastronomica a quattro mani dell’artista Giuseppe Leone e dello chef Pietro Parisi, che ha celebrato l’identità contadina connotata dal recupero di una mediterraneità arcaica ed archetipica.
Erbe aromatiche, profumi della terra, olio di oliva hanno fatto da pigmento alle tele allestite dal maestro Leone, fino all'atto d'epilogo che ha visto la maschera di Pulcinella inondata dalla lava del Vesuvio, simboleggiata dal sugo dei rossi pomodori dell'Agro.
La manifestazione è stata organizzata dall’Associazione Culturale "Il Simposio delle Muse" con il patrocinio del Ministero della Cultura e del Turismo e del Padiglione Italia Expo Milano.
Tra gli ospiti anche l'attrice Francesca Cavallin e il vicesindaco di Palma Campania Elvira Franzese, che dichiara: “E’ un vero onore per la nostra cittadina aver contribuito a realizzare un momento di significativa promozione del territorio in una vetrina prestigiosa ed internazionale come quella di Expo. La nostra amministrazione continuerà l’opera intrapresa con entusiasmo e spirito di squadra”.

Casa Campania individua e coltiva le eccellenze di una terra che ha fatto di arte e cucina due poli capaci di incoraggiare la riscoperta ed il rilancio.

Mario Esposito art director
cell: 338 9403745
email: ilsimposiodellemuse@libero.it

giovedì 25 giugno 2015

Vinessum 2015 a Castel Guelfo

Vinessum è il rave del vino naturale
Degustazione vini non convenzionali
A Vinessum solo vini emozionali ed emozionanti
elenco espositori
Vinessum si svolgerà domenica 28 giugno
dalle 16.00 alle 22.00
presso Palazzo Malvezzi Hercolani (Palazzo Comunale)
via Antonio Gramsci, 10
Castel Guelfo di Bologna (BO)
Ingresso € 10
All'interno di Vinessum sarà presente Alberto Faccani, chef stellato e patron del ristorante Magnolia di Cesenatico (FC), che proporrà due piatti in degustazione.
Info di servizio per raggiungere Vinessum:
uscita autostradale Castel San Pietro Terme su A14
(per chi viene da Nord è l’uscita dopo Bologna S.Lazzaro, per chi viene da Sud è quella dopo Imola)

martedì 23 giugno 2015

Vino a Taste of Italy Expo 2015, terzo incontro dibattito.

Sabato 27 giugno il terzo appuntamento del Comitato Scientifico
al Padiglione "Vino a Taste of Italy"
UNO SGUARDO SUL FUTURO: LA RICERCA SCIENTIFICA PER UNA NUOVA VITICOLTURA
Attilio Scienza, Luigi Moio, Michele Borgo, Eugenio Sartori e Marco Stefanini si confrontano sui temi più attuali della scienza viticola e dell’agronomia
Servizio Stampa Veronafiere
Verona, 22 giugno 2015.
Con la diffusione della Fillossera nella seconda metà dell’Ottocento nei vigneti europei è iniziata una nuova forma di viticoltura, basata sull’innesto della vite europea sulle radici di vite americana.
Da quel momento l’aspetto del vigneto europeo è drasticamente cambiato per organizzarsi in filari regolari che consentivano un più razionale lavoro dell’uomo nel vigneto.
Ma, sempre dall’America, sono giunti Oidio e Peronospora, i quali costringono tuttora la viticoltura a praticare continui interventi fitosanitari.
Scartata per questioni etiche, culturali e sociali l’ipotesi di trovare una soluzione con l’impiego delle tecniche OGM, alcuni centri di ricerca europei ed italiani stanno approntando soluzioni alternative attraverso una serie di incroci ed ibridazioni tra le varietà selvatiche della vite; sono nate delle nuove varietà resistenti alle malattie crittogame che replicano quasi fedelmente alcuni caratteri organolettici delle classiche viti europee.
In sostanza si potrebbe pensare di attualizzare la nostra viticoltura per rispondere meglio alle nuove esigenze e preferenze dei consumatori moderni e alle incerte mutazioni climatiche in atto in questo terzo millennio.
Ed è proprio sui temi più attuali della ricerca scientifica in viticoltura che si concentra l’attenzione del terzo dei sei incontri promossi dal Comitato scientifico del Padiglione "Vino a Taste of Italy" ad Expo 2015, presieduto da Riccardo Cotarella, in programma sabato 27 giugno alle ore 11.30 presso la Sala Symposium, nell’ambito del quale sono previsti gli interventi di Attilio Scienza, Luigi Moio, Michele Borgo, Eugenio Sartori e Marco Stefanini.
Il programma di sabato 27 giugno ore 11.30
Padiglione “VINO A TASTE OF ITALY” Expo 2015
Moderatore
Riccardo Cotarella - Presidente del Comitato Scientifico
Relatori
Marco Stefanini - Responsabile di Piattaforma Miglioramento Genetico Vite
“Le viti resistenti ed i loro profili”
Eugenio Sartori - Vivai Rauscedo
“Gli incroci con varietà resistenti”
Michele Borgo - Ricercatore Istituto di Viticoltura Conegliano
“Il continuo mutare delle fitopatologie”
Luigi Moio - Università di Napoli
“Sostenibilità, sensibilità e leggerezza”
Attilio Scienza - Università di Milano
“Le ragioni degli uni e degli altri”.

domenica 21 giugno 2015

Falerio Pecorino Settantasette '13, Cantina Colli Ripani

L'azienda cooperativa Cantina dei Colli Ripani fondata nel 1977, conta 370 soci conferitori e lavora uve provenienti da 700 ettari di vigneto parzialmente coltivati in biologico, per una produzione media annua di circa 800.000 bottiglie.
Packagings differenti contraddistinguono quattro linee produttive destinate alla grande e piccola distribuzione e al settore ristorazione.
Delle innumerevoli etichette, abbiamo testato Falerio Pecorino doc '13 della linea Settantasette (linea che celebra il 1977 primo anno di vinificazione e destinata al settore Horeca).
Ottenuto da selezione di uva Pecorino, si presenta alla vista di color giallo paglierino tenue con riflessi verdognoli.
Mediamente intenso al naso, che s'indirizza su sentori di frutta fresca, pomacea e banana, note agrumate, mandarino, sfumature di tipo surmaturo, frutta secca e gherigli di noce.
Palato in perfetta continuità, variegato e godibile.
I toni fruttati di polpa e buccia d'arancia, l'ananas, il fico secco e la sottile mineralità, costruiscono un quadro gustativo armonico, improntato alla morbidezza.
Tipico e fine.
Riceve riconoscimento nell'edizione 2014 di "Falerio una Doc d'aMare"
http://falerio-una-doc-damare-2014-risultati.html
Falerio Pecorino doc Settantasette '13 - alcool 13 % - circa € 9.
Cantina dei Colli Ripani, contrada Tosciano 28, Ripatransone (AP).
tel: +39 0735 9505
fax: +39 0735 99334
email: info@colliripani.it
web: http://www.colliripani.it/
Abbinato su:
pesce dell'Adriatico al forno
(sgombri, seppie, gallinelle di mare, sogliole)

giovedì 18 giugno 2015

Progetto Italian Wines in the World di Wine Meridian

Italian Wines in the World: il Tour Usa di Wine Meridian (#IWTW2015)
Italian Wines in the World: il Tour Canada di Wine Meridian (#IWTW2015)
Con un approccio innovativo di comunicazione e promozione nasce il programma
"Italian Wines in the World".
Due tappe: il Tour Usa di Wine Meridian e il Tour Canada di Wine Meridian ideati per presentare alcune delle aziende italiane ad un pubblico di operatori (buyer, importatori) selezionati e opinion leader (giornalisti, wine blogger, ecc.)
fonte Wine Meridian
Le date
San Francisco dal 16 al 20 novembre 2015
Vancouver febbraio 2016

Il Programma
Le tappe avranno la seguente modalità di realizzazione:
  1. Masterclass per operatori buyer selezionati
  2. Social media Tasting – Degustazioni per wine blogger al fine di divulgare tramite i social media i valori dei vini e delle aziende presentate
  3. Workshop con buyer selezionati in relazione alle tipologie di aziende presenti
  4. Happy to feel Italian – aperitivo italiano aperto ad operatori e wine lovers in un locale trendy di San Francisco
  5. Tour organizzato di Napa Valley e Sonoma (novembre 2015) - Tour organizzato di Okanagan Valley (febbraio 2016)
Inoltre è previsto un Incoming di operatori selezionati nei primi mesi del 2016 durante il quale verranno organizzati dei b2b con le aziende aderenti.
Al fine di garantire una più adeguata presentazione dei vini e delle aziende presenti, sarà realizzata una speciale pubblicazione dedicata all’evento che verrà consegnata a tutti coloro che presenzieranno alle tappe del tour e verrà anche messa a disposizione online.

Il Format
Italian Wines in the World è un nuovo format strutturato che prevede diverse fasi operative, con l’obiettivo di creare attorno all’evento clou del programma, un crescente interesse, anche attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie e metodologie di engagement sul pubblico. Nel progettare un contest, è ormai imprescindibile strutturare una strategia di comunicazione che sia orientata non solo alla platea presente all’evento, ma anche a quella della rete, ampliando il perimetro dell’iniziativa oltre i confini dell’evento stesso. E’ stato quindi ideato questo nuovo format che si sviluppa su un arco temporale più lungo: pre evento – evento – post evento e utilizzando nuove metodologie d’interazione in tempo reale.

Sviluppo della strategia
#IWTW2015 percorre percorsi narrativi con storie di aziende, di uomini, di aziende, in modo completamente nuovo: “La storia del vino come vorreste sentirla” è il modo per coinvolgere il pubblico in questa nuova avventura. Storie scritte a più mani con le aziende coinvolte nel progetto, da noi “tecnici” della comunicazione e dagli utenti della rete, che saranno coinvolti immediatamente nel progetto già nella prima fase.

Coming soon
L’evento inizia prima, molto prima!
Le nuove tecnologie di engagement e i diversi modelli di comunicazione (social media – etc.), sono il supporto ideale su cui scrivere un percorso narrativo che avrà più linee di sviluppo. Inizieremo quindi a parlare di #IWTW2015 molto prima di novembre 2015, con l’obiettivo di creare un’immediata interazione con il pubblico e aumentare l’attesa sull’evento. In questa fase sarà essenziale il coinvolgimento delle aziende vitivinicole, soprattutto per lo sviluppo dello storytelling e per la promozione di #IWTW2015. Al fine del massimo coinvolgimento delle aziende saranno predisposti uno o due moduli formativi da remoto (max 2 ore) di accompagnamento delle aziende al digitale.

Evento Live
Sarà un evento diverso dagli altri sia nel modo di presentazione, sia nella modalità di fruizione dell’evento stesso. Per la prima volta saranno coinvolte direttamente le persone presenti all’evento, ma anche gli utenti in rete, che potranno vivere e raccontare le loro esperienze in tempo reale, grazie a strumenti innovativi. Durante gli eventi di avvicinamento (locali in San Francisco e locali in Vancouver), sarà trasmesso attraverso dei video-wall, nel sito e su dispositivi mobili, il servizio LIVE #photostream per #IWTW2015 già lanciato tra giugno/luglio e quindi già rappresentativo. Il pubblico all’evento sarà quindi direttamente “spinto” a condividere il proprio stato nei canali social Instagram e Twitter (i più usati nel mercato US) inviando direttamente le foto, contribuendo con personale di staff ad attivare un flusso massiccio di foto per il video wall e incrementando l’interesse della rete. Durante l’evento ufficiale, sarà utilizzata la stessa metodologia di engagement, coinvolgendo anche i tecnici presenti alle degustazioni (master of wines, sommelier, blogger, giornalisti, esperti, etc.) che saranno a loro volta protagonisti in rete, pubblicando le foto per i video wall.

Grazie a questa tipologia d’azione, saremo in grado di perseguire i seguenti obiettivi:
  • Estendere la notorietà oltre il perimetro tradizionale, cioè nel web
  • Avere un “trust” diverso: sono gli utenti che parlano dell’evento
  • Entrare nelle classifiche dei “top trend” su Twitter, certificando la notorietà in rete
  • Individuare nuovi opinion leader sul mondo vitivinicolo
Post Evento
Una particolarità di questo nuovo format consiste nella misurazione dei risultati e nell’analisi degli stessi. Il valore di questo processo darà il suo contributo durante tutte le fasi dell’evento, permettendo una costante messa a punto della strategia di comunicazione, identificando già nelle prime battute, gli “attori” del mercato digitale e monitorizzando l’evento stesso in modalità LIVE. Le aziende che parteciperanno all’iniziativa, avranno quindi la possibilità di accedere in qualsiasi istante alle informazioni e saranno dotate alla fine del format, di un Report riassuntivo dedicato, con tutti i dettagli. Tale Report fornirà alle aziende ottimi spunti per individuare un nuovo modo di comunicare e trend da perseguire.

Offerta per le aziende
Per le aziende che vorranno partecipare è stato ideato un pacchetto completo con le seguenti caratteristiche:
  • Viaggio a/r (per una persona)
  • Vitto e alloggio a San Francisco o Vancouver (4 notti)
  • Partecipazione 1 etichetta alla Masterclass
  • Partecipazione 1 etichetta al social media tasting
  • Partecipazione con 4 etichette all’evento con operatori
  • Partecipazione al b2b (incontri singoli calendarizzati) durante incoming in Italia
  • Presenza con propri vini all’Happy to feel italian Night
  • Formazione sull’utilizzo dei social
  • Presenza sulla pubblicazione cartacea dedicata all’evento Italian Wines In the World
  • Tour di Napa Valley e Sonoma oppure Tour di Okanagan Valley
Il prezzo complessivo dell’azione richiede un contributo per ogni azienda di 5000 euro (al netto del contributo OCM).
Per info scrivete a:
redazione@winemeridian.com
web:
www.winemeridian.com

martedì 16 giugno 2015

Pro Loco in Festa 2015, Porto San Giorgio

Quindicesima edizione di Pro Loco in Festa
2-3-4-5 luglio a Porto San Giorgio (Fm)
Programma:
giovedì 2 luglio
ore 17.00 - Viale don Minzoni e Viale Buozzi: "Le vie di Arte utile" fino alle ore 24.00.
ore 17.30 - Sala Imperatori, via Oberdan: "Convegno alimentazione e turismo".
ore 19.00 - Apertura punti di ristoro (facoltativo).
ore 19.30 - Piazza Silenzi: taglio del nastro.
ore 19.45 - Piccolo Caffè dei Fiori, angolo via Oberdan: incontro con le Autorità.
venerdì 3 luglio
ore 12.00 - Apertura punti di ristoro.
ore 17.00 - Viale don Minzoni e Viale Buozzi: "Le vie di Arte utile" fino alle ore 24.00.
ore 19.00 - Apertura punti di ristoro.
ore 21.30 - Piazza Silenzi: spettacolo "Tanto per ridere".
ore 23.00 - Piazza Matteotti: musica dal vivo con il gruppo "La Sonda".
sabato 4 luglio
ore 10.00 - Veleggiata barche in legno "Associazione Nautica Picena".
ore 12.00 - Apertura punti di ristoro.
ore 17.00 - Viale don Minzoni e Viale Buozzi: "Le vie di Arte utile" fino alle ore 24.00.
ore 19.00 - Apertura punti di ristoro.
ore 19.00 - Piazza Silenzi: spettacolo di magia per bambini.
ore 21.30 - Piazza Silenzi: gara di ballo Latino/Americano tra Pro Loco.
ore 23.00 - Piazza Matteotti: musica dal vivo con il gruppo "La Rua".
domenica 5 luglio
ore 10.00 - Veleggiata barche in legno "Associazione Nautica Picena".
ore 12.00 - Apertura punti di ristoro.
ore 17.00 - Viale don Minzoni e Viale Buozzi: "Le vie di Arte utile" fino alle ore 24.00.
ore 17.30 - Sfilata rievocazioni storiche e gruppi folkloristici.
ore 19.00 - Apertura punti di ristoro.
ore 21.30 - Piazza Silenzi: musica dal vivo con il gruppo "Formato A7".
ore 21.45 - Piazza ex Grand Hotel: esibizione del gruppo folk "Ortensia".
ore 22.30 - Piazza Matteotti: musica dal vivo con il gruppo "Gasoline".
ore 24.00 - Lungomare centro: Spettacolo Pirotecnico con Alessi events.

post correlati:


sabato 13 giugno 2015

Terroir Vino 2015 a Genova

TerroirVino
L’incontro tra vino, persone e web
Lunedì 22 Giugno 2015 – Undicesima Edizione
(Domenica 21 Giugno: Vinix Unplugged Unconference, Cena di Gala e molto altro
Villa Lo Zerbino, Genova
comunicato stampa Terroir Vino
Per l’Undicesima Edizione TerroirVino si sposta a Villa Lo Zerbino.
Dopo la decima edizione e cinque belle edizioni ai Magazzini del Cotone del Porto Antico di Genova, abbiamo sentito l'esigenza di respirare aria nuova e soprattutto di ritornare ad una dimensione più intima e a un'atmosfera più calda.
Per farlo, abbiamo deciso di ripartire con una struttura completamente nuova che sarà probabilmente un po' meno funzionale per noi che dobbiamo lavorarci ma che sarà, ne siamo certi, estremamente piacevole per produttori e visitatori.
L’incontro tra il vino, le persone e il web è il claim della manifestazione: le migliori aziende testate dal 2000 ad oggi dalla commissione di TigullioVino.it con le novità 2014/2015 relative ai vini e agli oli extravergine più fruibili per bevibilità, qualità e prezzo; l'incontro con le persone che attraverso i loro vini e la loro storia regalano emozioni e fanno cultura del territorio; un momento di verifica, reale e tangibile, tra la nostra struttura e il popolo della rete.

L’Unconference e gli eventi collegati.
Nel vasto panorama delle manifestazioni dedicate al vino, TerroirVino si distingue da sempre per la capacità di catalizzare l’attenzione della maggior parte dei protagonisti della comunicazione enogastronomica della rete, caratteristica che dal 2009 ha anche uno specifico momento d’incontro (quest’anno il pomeriggio di domenica 21 Giugno), tra mondo della comunicazione e della produzione: Vinix Unplugged Unconference, la “non conferenza” sui temi del vino, del cibo e dell’interazione online.
A questo momento di scambio e confronto, informale nei modi ma di spessore nei contenuti, partecipano ogni anno esperti di comunicazione e marketing, giornalisti, blogger, produttori, commercianti e chiunque abbia piacere di condividere contenuti e idee interessanti con interventi in parte selezionati da noi ed in parte votati online su Vinix direttamente dal pubblico durante il mese di Maggio.
La partecipazione è aperta a tutti ma è a numero chiuso per consentirci la migliore organizzazione possibile (non più di 200 persone).
E’ quindi accessibile solo su prenotazione
http://www.terroirvino.it/vinix-unplugged-open-unconference.htm
Chi fosse in città già dal giorno prima per l’Unconference, avrà anche la possibilità di prenotare per la cena con i produttori della domenica sera da qui: http://vinixunplugged.eventbrite.com

Gli eventi collegati.
a) Garage Wines Contest
Alla sesta edizione, è un confronto internazionale gratuito per vignaioli dilettanti che dopo le preselezioni a cura di un’apposita commissione di TigullioVino, tra aprile e maggio, domenica 21 Giugno vedrà la proclamazione del vincitore a Villa Lo Zerbino a cura di una commissione mista di esperti e appassionati.
Ai vincitori uno stand gratuito a TerroirVino in omaggio dove avrà l’onore e l’onere di presentare i suoi vini insieme ai produttori professionisti.
Tutte le informazioni qui: http://www.terroirvino.it/garage-wines-contest.htm
b) Baratto Wine Day
Si terrà lunedì 22 Giugno, in concomitanza con TerroirVino, tramite un apposito banchetto presidiato, sarà possibile barattare vini acquistati alla manifestazione o portati da casa (astenersi perditempo e fondi di cantina) attraverso le semplici regole che potrete trovare sul sito: http://www.terroirvino.it/baratto-wine-day.htm
c) Degustazioni dal basso
Durante TerroirVino, lunedì 22 Giugno, vini e territori raccontati in modo conviviale e comprensibile anche ai neofiti, da produttori e persone comuni ma competenti e soprattutto "vicine", per nascita o scelte di vita, al luogo che scelgono di raccontare affiancate da speciali verticali d’autore condotte direttamente dai vignaioli.
Informazioni e dettagli qui: http://www.terroirvino.it/degustazioni-dal-basso.htm
Villa Lo Zerbino
Modalità d'ingresso, orari e costi TerroirVino:
l’appuntamento per TerroirVino è lunedì 22 Giugno dalle ore 10.00 alle ore 20.00, aperto a tutti, preceduto domenica 21 Giugno dall’unconference (ore 14.00 – 19.30) e dalla cena nel giardino della Villa con i produttori.
Ingresso TerroirVino: € 20 (comprensivi di calice da degustazione, tracolla, piantina e pass ingresso).
info, espositori, accrediti, prenotazioni:
E-mail: info@terroirvino.it
Responsabile: Filippo Ronco
Cell. +39 347 2119450 - Fax +39 06 233 220 684
Skype: filippo.ronco
Twitter: http://twitter.com/terroirvino
(tag: #terroirvino, #vuu, #gwc, #bwd, #ddb)

giovedì 11 giugno 2015

Di Arte in Vino 2015, degustazione vini rossi

Il Grand Tour delle Marche, progetto ideato da "Tipicità made in Marche Festival" in collaborazione con ANCI per promuovere il territorio marchigiano ad Expo Milano 2015, ha fatto tappa a Sant'Elpidio a Mare (Fm), dove il 6 e 7 giugno è andata in scena la 9^ edizione di “Di Arte in Vino”, evento inserito nel programma “ANCIxEXPO” che comprende oltre 25 appuntamenti in regione Marche, calendarizzati nell'arco dei 6 mesi dedicati all'esposizione universale milanese.
panoramica da Sant'Elpidio a Mare
Di Arte in Vino è gestita dalla Nobile Contrada San Giovanni e consiste in un percorso a tappe nel suggestivo borgo medioevale, degustando alcuni tra i migliori vini del Vigneto Marche.
Quest'anno sono state 24 le aziende vinicole partecipanti, collocate in 5 postazioni all'interno del centro storico.
torre Gerosolimitana (sec.XIV) in piazza Matteotti
Nella giornata di domenica 7 giugno ci siamo dedicati alla degustazione di vini rossi.
Lacrima di Morro d'Alba Doc superiore '13 Guardengo
alcool 13,5% - circa € 12
Lucchetti, Morro d'Alba (An)
Ottenuto da selezione di uve Lacrima, si presenta alla vista di color rosso porpora scuro.
Naso intenso, caratteristico su sentori floreali di rosa e violetta, piccoli frutti rossi e spezie dolci.
In bocca si esaltano le note floreali che rendono inconfondibile la tipologia, sempre integrate da leggera componente speziata e toni vanigliati.
In questa fase le sensazioni fruttate diventano quasi carnose e tendono a virare sulla confettura.
Chiusura amaricante, abbastanza lunga.
Un buon vino da abbinare in particolare su salumi e formaggi freschi o semistagionati, piadina farcita con prosciutto crudo rucola squacquerone.
Rosso Piceno Doc '13 Fausto
alcool 13,5% - circa € 6
Fausti vini, Fermo
Ottenuto da uve Montepulciano 70% e Sangiovese 30% si presenta alla vista di color rosso rubino limpido, non particolarmente concentrato.
Bouquet di profumi moderatamente intenso, indirizzato su note fruttate di prugna, floreali di violetta e fiore in appassimento, sfumature vinose.
In bocca l'attacco è fresco e il finale leggermente astringente; conferma le sensazioni di frutto e di fiore già evidenziate all'olfazione.
Chiude amaricante, abbastanza persistente.
Un buon vino di media struttura ed ottimo rapporto qualità/prezzo, da abbinare su spaghetti al ragù, pasta e fagioli, pollo alla cacciatora.
Rosso Conero Doc '13 Podere Giustini
alcool 13,5% - circa € 9
Azienda Agricola Podere GM Giustini, Candia (An)
Ottenuto da uva Montepulciano, si presenta alla vista di color rosso rubino cupo con riflessi violacei.
Profumi intensi e complessi, che spaziano da note vinose a sentori più maturi di frutto nero macerato, fino ad accenni animali ed idrocarburici, per un quadro olfattivo di un certo spessore.
In bocca conferma solo in parte tali caratteri, indirizzandosi su toni freschi di frutto e meno complessi.
Sapido e speziato in questa fase, che risulta comunque godibile e ben bilanciata, contraddistinta da tannino non invasivo, sfumature di mora, ciliegia e floreali.
Vino convincente, trova a mio parere un buon abbinamento su carni rosse, preparazioni sia in umido che al forno.
post correlato:

martedì 9 giugno 2015

Di Arte in Vino 2015, degustazione vini bianchi

Il Grand Tour delle Marche, progetto ideato da "Tipicità made in Marche Festival" in collaborazione con ANCI per promuovere il territorio marchigiano ad Expo Milano 2015, ha fatto tappa a Sant'Elpidio a Mare (Fm), dove il 6 e 7 giugno è andata in scena la 9^ edizione di “Di Arte in Vino”, evento inserito nel programma “ANCIxEXPO” che comprende oltre 25 appuntamenti in regione Marche, calendarizzati nell'arco dei 6 mesi dedicati all'esposizione universale milanese.
panoramica da Sant'Elpidio a Mare verso sud-est
Di Arte in Vino è gestita dalla Nobile Contrada San Giovanni e consiste in un percorso a tappe nel suggestivo borgo medioevale di Sant'Elpidio a Mare (Fm), degustando alcuni tra i migliori vini del Vigneto Marche.
Quest'anno sono state 24 le aziende vinicole marchigiane partecipanti, collocate in 5 postazioni all'interno del centro storico.
Perinsigne Collegiata di Sant'Elpidio Abate (secc. XIII - XVI - XIX)
in piazza Matteotti a Sant'Elpidio a Mare
Così come nelle precedenti edizioni, anche quest'ultima ha inteso promuovere il talento di giovani artisti, integrando il percorso enoico con un'esposizione d'arte figurativa di Francesca Marianna Accardi, pittrice e decoratrice siciliana che vive e lavora a Sant'Elpidio a Mare (Fm).
Nella giornata di sabato 6 giugno ci siamo dedicati alla degustazione di vini bianchi.
Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '14 Versiano
alcool 13% - circa € 9
Azienda Agricola Vignamato, San Paolo di Jesi (An)
Giallo paglierino cristallino, tendente al verde.
Naso contraddistinto da toni verdi, fieno, floreali d'acacia, mineralità, sfumature idrocarburiche.
In bocca la criomacerazione contribuisce all'arricchimento del quadro, che tende al morbido con contrappunti citrini e minerali.
Nonostante degustato a temperatura un po' superiore al dovuto, questo vino ci ha convinto per espressione tipica ed ampiezza.
Offida Pecorino Docg '14 Pekò
alcool 13% - circa € 8
La Canosa srl, Rotella (AP)
Ottenuto da uva Pecorino, si presenta alla vista di color giallo paglierino carico.
Naso tipico, minerale, fruttato di banana.
In bocca ha nerbo, freschezza e mineralità, sostanza fruttata notevole destinata ad evolvere con la sosta in bottiglia ed a virare sui toni del frutto secco e a guscio.
Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '14 Fonte Cherubini
alcool 14% - circa € 8
Azienda Agricola Cherubini Simone, Cupramontana (An)
Giallo paglierino limpido, con riflessi verdi.
Naso tipico su toni iodati, fieno, sfumature floreali, pomacea.
In bocca procede in bella continuità, contraddistinto da note agrumate e mineralità
Di quest'azienda abbiamo degustato anche il Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico '14 Perla, che ci ha favorevolmente impressionato per sferzante freschezza, struttura non consueta per vini di base e ottimo rapporto qualità/prezzo (circa € 5).
Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '12 Anno Zero
alcool 13,5% - circa € 10
Col di Corte srl, Montecarotto (An)
Azienda giovanissima fondata nel 2012, dispone di circa 10 ettari di vigneto coltivato in biologico.
Certamente convincente questo Verdicchio classico superiore, per struttura, ampiezza delle sensazioni olfattive e gustative.
Si presenta alla vista di color giallo paglierino cristallino, tendente al verde.
Profumi intensi e complessi, giocati su toni idrocarburici, sentori vegetali, mineralità.
In bocca ha un buon grip, ottima continuità con la precedente fase e freschezza sferzante.
Discreta persistenza e predominante nota ammandorlata a chiudere.
Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '13 Simonetti
Azienda Agricola Simonetti Dino, Staffolo (An)
tasting:

domenica 7 giugno 2015

Verdicchio Castelli di Jesi classico superiore '13 Simonetti

L'Azienda Agricola Simonetti ha sede a Staffolo (An), in un'area storicamente vocata alla coltivazione di Verdicchio e dispone di 14 ettari di vigneto coltivato per il 90% appunto a Verdicchio e per il resto con uve a bacca rossa come Sangiovese e Montepulciano.
La produzione media annua si attesta intorno alle 40.000 bottiglie, per un totale di 6 etichette, più un passito prodotto però in quantità estremamente esigua:
- Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico (Verdicchio 90%, Trebbiano 10%), prezzo in cantina € 4.
- Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico Staphylè (Verdicchio da uve selezionate raccolte a fine settembre), prezzo in cantina € 6.
- Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore Simonetti (Verdicchio da uve selezionate raccolte a metà ottobre), prezzo in cantina € 10.
- Vino da Tavola Rosato (Montepulciano e Sangiovese in misura paritaria), prezzo in cantina € 6.
- Rosso Piceno Doc Simonetti (Montepulciano 60%, Sangiovese 40%), prezzo in cantina € 6.
- Verdicchio dei Castelli di Jesi Docg classico riserva (attualmente in fase d'affinamento e prodotto in sole 1003 unità), prezzo in cantina € 18-20.
L'impostazione produttiva si caratterizza per una certa attenzione ai temi della sostenibilità, non prevedendo trattamenti sistemici e uso di diserbanti in campo, altresì facendo bassissimo uso di solfiti in cantina.
Per il momento lo standard qualitativo si attesta su livelli dignitosi, con aspirazione a migliorarlo nel medio periodo.
Tra le varie etichette prodotte abbiamo scelto di parlare di questo Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '13 Simonetti, proprio perchè ci sembra paradigmatico dell'oggi e delle prospettive di sviluppo.
Ottenuto da uve Verdicchio accuratamente selezionate, raccolte tardivamente, provenienti da un vigneto su terreno argilloso-sabbioso esposto a sud-ovest, fermentato ed affinato 6 mesi in acciaio, si presenta alla vista limpido, inaspettatamente di color verde oro piuttosto carico.
Naso mediamente intenso su toni surmaturi, nespola, sensazioni di tipo vegetale, camomilla.
In bocca è caldo, avvolgente, corposo, connotato di note erbacee, fruttate di pera Williams, agrumate e minerali.
Il quadro è pulito, ma tende a sedersi nel finale.
In sostanza questo vino non è riuscito ad emozionarci più di tanto, poichè presenta un ventaglio di profumi e sapori poco articolato e dinamico, ma su cui crediamo si possa lavorare per il salto di qualità.
Da abbinare su piatti abbastanza sostanziosi come ad esempio: pagello alla piastra, seppie e pesce azzurro al forno, anche carni bianche.

Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '13 Simonetti - alcool 14% - € 10 in cantina.
Azienda Agricola Simonetti, via Castellaretta 8, Staffolo (An)
tel: 0731 779264
mob: 339 6355294 - 339 1068724
fax: 0731 770130
email: vinisimonetti@libero.it

venerdì 5 giugno 2015

Urbino Agricola, Tenuta santi Giacomo e Filippo

Un esempio di sostenibilità.
Situata nel cuore del Montefeltro, nell’Oasi Faunistica “La Badia”, la Tenuta Ss. Giacomo e Filippo si compone di 360 ettari a coltivazione biologica certificata IMC, che testimoniano un vera e propria arte del paesaggio, tra frutteti, colture e vigneti.
Sito di Importanza Comunitaria (SIC) della Provincia di Pesaro e Urbino, quest’area all’interno del bacino idrografico del fiume Foglia è caratterizzata da colline marnoso-argillose, boschi, pianure fluviali e maestose querce secolari.
Un’area sottoposta a costante salvaguardia, conservazione e recupero del suolo con interventi di forestazione, faunistici, silvo-pastorali e idraulico-agrari.

- La Tenuta Ss. Giacomo e Filippo comprende:
Urbino Resort (albergo diffuso)
Urbino dei Laghi (ristorante e pizzeria)
Urbino Horses (centro per turismo equestre)
Urbino Agricola (prodotti biologici)
- La filosofia di Urbino Agricola, azienda agricola di Bruscoli Marianna:
Nella consapevolezza che l’amore, l’ascolto e il rispetto della natura regalano prodotti migliori, l’azienda Urbino Agricola contempla colture di tipo estensivo e una produzione di vino, oltre ad olio e miele, mirate a preservare i luoghi in cui si vive e si lavora.
Un'agricoltura basata su un metodo che valorizza le qualità locali e che salvaguarda la fertilità del terreno, rinunciando allo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali.
Si esclude qualsiasi utilizzo di sostanze chimiche di sintesi e si predilige l’impiego di materiale organico.
- L'Azienda Vinicola:
L'Azienda Agricola Bruscoli Marianna dispone di 12 ettari di vigneto tra 100-200 metri sul livello del mare, coltivati a Merlot, Cabernet Sauvignon, Sangiovese, Montepulciano, Syrah, Bianchello, Verdicchio, Incrocio Bruni 54, per una produzione media annua di circa 20.000 bottiglie.
Da quest'anno l'intera filiera produttiva dei vini ha acquisito certificazione biologica IMC, con conseguente inserimento del logo europeo su tutte le etichette, con distribuzione della nuova produzione 2014 nelle enoteche di Marche e Romagna.
La felice esposizione delle aree impiantate a vigneti, l'attenta gestione agronomica e l’impegno costante nella conduzione eco-sostenibile, danno vita a vini che raccontano le peculiarità del territorio collinare urbinate.
Dopo dieci anni di attività e di culto agricolo tramandati da generazioni sui territori di San Giacomo in Foglia, l'Azienda offre oggi una nuova produzione interamente certificata bio, dalla coltivazione alla vinificazione, che rappresenta un traguardo in termini di eccellenza e qualità, curata e garantita dagli enologi Roberto Potentini e Giuseppe Camilli.
I nuovi vini 2014:
La selezione dei vini comprende un vino rosso da vendemmia 2012, un vino bianco e due bollicine vendemmiati a settembre 2013.
Le etichette con logo europeo bio, portano nomi legati alla tradizione della famiglia Bruscoli e alla storia del luogo.
Dedicato al nonno Ercole, il Fortercole (blend 50% Merlot – 50% Syrah) è un vino rosso elegante, di grande personalità che si presta ad un lungo invecchiamento; il Bellantonio (Incrocio Bruni 54) in ricordo del nonno Antonio, è un bianco fresco, profumato e giovanile; Isabecta Brut (100% Verdicchio) e Isabecta Rosato (100% Sangiovese) vini spumanti di qualità, freschi, beverini e adatti a tutte le situazioni, portano invece il nome di IsaBecta de Lominis, madre di Giovanni Santi e nonna del celebre Raffaello, che nel XV secolo ricevette in dote parte della Tenuta nella quale oggi viene prodotto il vino.

I nuovi vini di Urbino Agricola sono distribuiti nelle migliori enoteche e ristoranti del territorio, in particolare a Urbino, Pesaro, Urbania, Cagli, Rimini e sono a disposizione presso la Tenuta a Urbino Resort, a Urbino dei Laghi Ristorante Naturalmente Pizza.

Vini testati:
Marche bianco igt '13 BellAntonio

Marche rosso igt '12 FortErcole

TENUTA Ss. Giacomo e Filippo
URBINO Agricola – azienda agricola di Bruscoli Marianna
via San Giacomo in Foglia 8 località Pantiere - 61029 Urbino
tel: +39 0722 580305
www.tenutasantigiacomoefilippo.it

mercoledì 3 giugno 2015

Report Cantine Aperte 2015 con Marche Flavoured

Successo pieno per Cantine Aperte 2015 nelle Marche.
Il wine tour in pullman organizzato da Marche Flavoured in occasione di questa manifestazione curata dal Movimento Turismo del Vino giunta alla 23^ edizione, ci ha portato in 4 cantine della provincia di Ancona e ci ha permesso di verificare come la formula sia gradita al pubblico e trainante per il settore enoturistico.
Prima cantina Podere Santa Lucia a Monte San Vito
www.poderesantalucia.com
Caratteristica di quasi tutti i vini testati è l'adozione di un sistema di filtrazione di tipo naturale con decantazione a meno 5° centrigradi, che stabilizza e consente di conservare i caratteri tipici.
Tra i vini testati, abbiamo ricavato favorevole impressione da:
Verdicchio dei Castelli di Jesi Docg classico riserva '12 Vigna Taragli
alcool 14,5% - circa € 16
Un anno in barrique e 6 mesi d'affinamento in bottiglia per questo vino di notevole spessore e morbido, caratterizzato da note vanigliate e tostate sia al naso che al palato: un vino che va aspettato e si modifica con la prolungata ossigenazione.
Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '13 Gianni Balducci
alcool 14,5% - circa € 11
tasting:
http://verdicchio-castelli-di-jesi-gianni.html
Così come nelle precedenti edizioni di Cantine Aperte, presso quest'azienda di Monte San Vito abbiamo avuto la possibilità di degustare prodotti tipici selezionati dal negozio "...con gusto" che ha sede in via Gramsci 23/A, Jesi (An).
Seconda cantina Villa Bucci a Ostra Vetere
www.villabucci.com
Visita museo attrezzi agricoli e viticoli.
Due i vini in degustazione, con il comune denominatore della bevibilità, di facile approccio e dotati di quadro organolettico non particolarmente complesso: tipico e minerale il Verdicchio, ciliegia e frutto maturo nel Rosso Piceno.
- Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '13 Bucci - alcool 13,5% - circa € 13
- Rosso Piceno Doc '12 Pongelli - alcool 13,5% - circa € 13
(Montepulciano 50% - Sangiovese 50%)
Terza cantina Sabbionare a Montecarotto
www.sabbionare.it
Piccola azienda nata verso la metà degli anni novanta, produce vini di ottima fattura che hanno avuto riscontro tra i visitatori; vini dal taglio pulito, con buona struttura, godibili al palato e dall'ottimo rapporto qualità/prezzo.
Tra i vini testati, due in particolare ci hanno favorevolmente impressionato:
Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '14 Sabbionare - alcool 14% - circa € 9
Marche rosso igt '13 Sabbionare - alcool 14% - circa € 14
(Montepulciano 90% - Merlot 10%, 18 mesi in barrique)
Quarta cantina Casalfarneto a Serra de' Conti
www.casalfarneto.it
Bagno di folla a Casalfarneto.
Una decina le etichette in degustazione: 4 rossi, 2 spumanti, 4 bianchi.
Abbiamo in particolare apprezzato tutta la batteria dei Verdicchio, il Brut Metodo Classico e anche i rossi da uva Montepulciano e da uva Lacrima di Morro d'Alba.
Metodo Classico brut "Primo" - alcool 12,5% - circa € 13
(uva Verdicchio)
Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico superiore '12 Grancasale - alcool 13% - circa € 11
(da uve leggermente surmature, criomacerazione e affinamento del 10% in botte grande)
Verdicchio dei Castelli di Jesi Docg classico riserva '11 Crisio - alcool 13% - circa € 15
(da uve surmature, affinamento del 50% in botte grande)
Marche bianco igt '11 Cimaio - alcool 14% - circa € 19
(vendemmia tardiva di uve Verdicchio raccolte a novembre e attaccate dalla muffa nobile)
Marche rosso igt '11 Merago - alcool 13,5% - circa € 12
(da uva Montepulciano, affinato in legno grande)
post correlato: