lunedì 27 febbraio 2017

Bollicine in Villa 2017, Mirano

Un evento unico, aperto a “wine lovers” e “addetti ai lavori” per incontrare in una incantevole villa veneta il meglio della produzione spumantistica italiana ed europea, oltre ad una selezione di prodotti gastronomici di nicchia provenienti dal nostro territorio.
Un tour dell’Italia e dell’Europa calice alla mano, per conoscere le tipicità e le eccellenze dei terroir italiani, francesi, sloveni, spagnoli, austriaci, conoscere vitigni autoctoni, alloctoni, rari e ricercati, nazionali e internazionali, vini biologici, biodinamici, naturali, convenzionali, di pianura, di collina, di montagna (da viticultura eroica), di mare, di vignaioli indipendenti e di piccole realtà emergenti o di quelle già affermate.
Saranno questi i protagonisti di Bollicine in Villa, l’evento dedicato ai vini frizzanti e spumanti italiani ottenuti con il metodo classico e charmat, ed europei tra cui Champagne ma non solo, spazio ai Cremànt Francesi, ai Cava spagnoli e agli spumanti sloveni e austriaci.
Per tutto il giorno potrete degustare vini provenienti dalle zone spumantistiche italiane più vocate come il Trentino, l’Oltrepò Pavese, la Franciacorta, il Piemonte e Valdobbiadene, ma anche dalla Sardegna, Toscana, Basilicata, Puglia, Emilia Romagna, Veneto, Marche e Alto Adige.
Tra i vini stranieri alcune prestigiose etichette di Champagne francesi tra cui Cristal e Bollinger, piccole Maison di nicchia come Boutillez Vignon e R. Gabriel - Pagin Fils con i Champagne Premier Crù, Emmanuel Guerin con i Grand Crù, sempre dalla Francia i Cremànt d’Alsace del vigneron independant Mauler, dalla Spagna Milltrentaset con i Cava nature e reserva, dall’Austria Gangl Wines con il particolarissimo Roter Sekt mèthode traditionnelle, dalla Slovenia Erzetic Wines con lo spumante Sentio ottenuto con il mèthode traditionnelle da uve Rebula e Chardonnay.
Oltre a poter assaggiare questi vini esclusivi, gli ospiti potranno deliziarsi con degustazioni di rinomati prodotti gastronomici di nicchia provenienti dal nostro territorio.

La manifestazione si tiene il 12 Marzo 2017 dalle ore 10:00 alle ore 20:00 nella prestigiosa Villa & Barchessa di XXV Aprile, in via Mariutto 1, a Mirano - Venezia.
L’evento si snoderà in 2 location, Villa XXV Aprile per la degustazione di vini convenzionali e prodotti gastronomici dal dolce al salato e la Barchessa di Villa XXV Aprile per la degustazione di vini e prodotti gastronomici biologici, biodinamici o naturali e stranieri.
Apertura al pubblico
Alle ore 10:00 la degustazione apre al pubblico.
Con il costo dell’entrata è previsto in omaggio un calice professionale con tracolla che accompagnerà durante le degustazioni.
Ai banchi di assaggio saranno presenti produttori e sommelier.
La partecipazione alla manifestazione non necessita di prenotazione, il servizio mescita terminerà alle ore 19:30, alle ore 20:00 chiusura della Villa & Barchessa XXV Aprile.
È possibile che alcuni prodotti in degustazione si esauriscono prima della fine della manifestazione.
Il pubblico partecipante all'evento sarà anche giudice, potrà infatti votare i migliori vini e la migliore cantina della manifestazione.
L’evento si terrà anche in caso di pioggia.
Prezzi
All’entrata pagando € 25,00 (€ 20,00 prezzo riservato per l’acquisto online) il visitatore riceverà in omaggio un calice professionale da degustazione Rastal, una elegante tracolla porta calice VinStrip, una penna e un catalogo dove sono elencati i produttori, i vini e prodotti in degustazione.
L’assaggio dei vini è rivolto ad un pubblico maggiorenne, l’ingresso per i minori accompagnati dai genitori è di € 1,00 (senza calice).
Degustazioni Guidate
Durante l’evento presso l’atrio della Barchessa XXV Aprile, si svolgeranno 2 Grandi Degustazioni Guidate: “Le Grandi Bolle d’Europa ” e “Le Grandi Bolle d’Italia”.
In degustazione grandi vini raccontanti e degustati dal Dr. Enologo Fabrizio Maria Marzi – Relatore e Degustatore Ufficiale A.I.S. (Associazione Italiana Sommelier).
Le degustazioni guidate sono a pagamento e non includono l’accesso alla manifestazione “Bollicine in Villa”.
Accesso solo con prenotazione online.
Wine Shop
Durante la manifestazione “Bollicine in Villa” si potranno acquistare direttamente i vini e prodotti gastronomici in degustazione presso il negozio allestito in Villa XXV Aprile.
Tutti i prodotti saranno in vendita ad un prezzo promozionale per l’occasione.
Organizzatore Evento
Enoteca Le Cantine Dei Dogi dei Fratelli Berna Ezio & Vanni.

Vi aspettiamo per brindare con le oltre 1.000 bottiglie di altissima qualità, italiane e straniere in degustazione, in un percorso entusiasmante nello sterminato mondo delle bollicine bianche, rosse e rosate.

Info, espositori, contatti, ticket on line:
http://www.bollicineinvilla.it/

giovedì 23 febbraio 2017

Festa delle Donne del Vino in Italia.

La 1ª Festa delle Donne del Vino: sabato 4 marzo 2017 oltre 70 eventi, per la prima volta a livello nazionale, l'evento dedicato alle donne che consumano, producono, vendono e promuovono i grandi vini italiani.
Coinvolte 12 regioni italiane.
Un evento diffuso che si realizza in 12 regioni d’Italia e in decine di cantine, ristoranti, enoteche, musei, dove Le Donne del Vino sono protagoniste, aspettano i winelovers e soprattutto le winelovers per brindare con loro, proponendo un pomeriggio pieno di esperienze e assaggi.
Un modo festoso per mostrare il lato femminile del vino italiano - ha spiegato la presidente Donatella Cinelli Colombini - le nuove protagoniste di un settore produttivo tradizionalmente maschile danno inizio alla Festa della Donna 2017, con qualche giorno di anticipo, facendosi conoscere, mettendo in rilievo il proprio talento e diffondendo la cultura del vino e il consumo responsabile”.
L’evento in programma nel pomeriggio di sabato 4 marzo (ma c’è già chi inizia al mattino), sviluppa il tema nazionale “Donne vino e motori”.
È una sfida ai luoghi comuni e a chi ancora crede che le donne siano poco adatte ad attività legate alla meccanica oppure al vino.
Insomma un modo elegante ma trasgressivo per mettere in evidenza tante professioniste bravissime riunite nell’associazione nazionale Le Donne del Vino che coordina la comunicazione.
L’elenco delle iniziative dimostra la creatività femminile.
Non per altro le aziende del vino dirette dalle donne sono già come l’intero comparto enologico vorrebbe essere: con una formazione universitaria, indirizzate su vini doc-docg, capaci di esportare una quota maggioritaria del vino, diversificate e attente all’ambiente.
PIEMONTE
Eventi diffusi in 16 cantine vitivinicole, enoteche e ristoranti. ALESSANDRIA: Alemat – Elisabetta Ambrosione (Ponzano Monferrato), Enoteca Enoteck House – Elisa Baldizzone (Strevi), Marenco Vini – Patrizia, Michela e Doretta Marenco (Strevi), La Scamuzza – Laura Zavattaro (Vignale Monferrato), Tenuta La Tenaglia – Sabine Ehrmann (Serralunga di Crea), Villa Felice – Renata Cellerino (Cassine), Vineria Mezzolitro – Monica Moccagatta e Piercarla Negro (Alessandria). ASTI: Braida – Raffaella Bologna (Rocchetta Tanaro), Carussin – Bruna Ferro (San Marzano Oliveto), Cascina Castlèt – Mariuccia Borio (Costigliole d’Asti), Chiarlo – Laura Botto Chiarlo (Castelnuovo Calcea), Silvia Castagnero (Agliano Terme), Tenuta Tamburnin – Valeria, Claudia ed Elena Gaidano (Castelnuovo Don Bosco). LANGHE: Cantine Ascheri e Osteria Murivecchi – Cristina e Maria Teresa Ascheri (Bra), Bruna Grimaldi – Francesca Poggio de Il Poggio di Gavi (Grinzane Cavour), Ettore Germano – Elena Bonelli (Serralunga d’Alba).
LOMBARDIA
Evento in collaborazione con il Museo Millemiglia di Brescia: brindisi collettivo alle 15. FRANCIACORTA: Maddalena Bersi Serlini, Bersi Serlini; Pia Donata Berlucchi, Fratelli Berlucchi; Lucia Barzanò, Il Mosnel; Giuliana Cenci, La Boscaiola; Cristina Ziliani, Guido Berlucchi; Daniela Codeluppi, Hostaria Uva Rara. VALCALEPIO: Kettlitz Cristina, Castello Di Grumello; Balestrieri Buelli Vanna, La Rocchetta. OLTREPÒ PAVESE: Giovannella Fugazza, Castello di Luzzano; Ghioni Luisa, La Locanda dei Beccaria. LAGO DI GARDA: Prandini Giovanna, Perla del Garda; Tuliozi Stefanoni Chiara, Ricchi & Stefanoni. MILANO: Paola Longo, Enoteca Longo (Legnano); Bianca Malfassi, Enoteca Eno Club. BRESCIA: Anna Graziosa Massolini, Trattoria Croce Bianca (Vestone).
LIGURIA
Unico evento a GENOVA: dalle 16 alle 19, Salone Spazio Genova di Corso Italia, brindisi e degustazioni di vini e tipicità liguri con le produttrici: Laura Angelini (La Pietra del Focolare, Ortonovo); Paola Calleri (La Vecchia Cantina, Salea); Chiara Formentini (Altavia, Dolceacqua); Eliana Maffone (Tenuta Maffone, Pieve di Teco); Serena Roncone (Podere Grecale, Sanremo). Le ristoratrici: Paola Bisso (O Vittorio, Recco); Maria Pia Bogazzi (Ristorante Sottosale, Finale Ligure); Lorena Germano (Quintilio, Altare); Cinzia Mattioli (Doc, Borgio Verezzi); Pervinca Tiranini (A Spurcacciun-a, Savona); Mara Vasile (Ristorante Torre, Celle Ligure); la Delegata Cinzia Tosetti.
FRIULI VENEZIA GIULIA
Una quindicina di auto storiche del Club Ruote del Passato faranno un wine tour nelle cantine intorno a PORDENONE: Alberta Bulfon, Cantina Bulfon (Valeriano); Tenuta di Fernanda Cappello (Sequals) con Silva Delle Case del ristorante Al Belvedere; Agriturismo Ca Muliner (Azzano) con la sommelier Isabella Deotto; Cantina Vigna Belvedere di Elisabetta Cichellero (Pasiano di Pordenone); brindisi finale nella cantina di Piera Martellozzo (San Quirino). UDINE: tour di bici con pedalata assistita in Cantina Venica di Ornella Venica (Cividale), Cantina di Hilde Petrussa (Albana) e Ristorante Sale e Pepe di Teresa Covaceuszach (Stregna). Azienda Agricola Foffani – Elisabetta Foffani (Clauiano); Azienda Agricola Del Poggio - Cristina Cigolotti (Fagagna) e Ristorante al Ponte di Adriana Rizzotti a Gradisca.
Veneto
Portogruaro dall’enotecaria Claudia Vincastri (Vini e Liquori Sfriso) mini raduno di moto.
TRENTINO ALTO ADIGE
Evento in 3 ristoranti che presenteranno un menù dedicato alle donne inserendo in abbinamento solo vini delle Associate del Trentino Alto Adige: Locanda 2 Camini di Franca Merz (Baselga di Pinè), Locanda Alpina di Silvana Segna (Brez) e Ristorante Moja di Veronica Grazioli (Rovereto).
TOSCANA
Eventi diffusi in 8 cantine vitivinicole ed enoteche. SIENA: Casato Prime Donne di Donatella Cinelli Colombini (Montalcino), FIRENZE: Castello di Querceto di Maria Antonietta Corsi (Greve in Chianti), LUCCA: Enoteca Giulia di Giulia Franchi (evento con Antonella D’Isanto dell’azienda I Balzini di Barberino Val D'Elsa, Firenze). GROSSETO: Fattoria La Maliosa di Antonella Manuli (Manciano), Distilleria Nannoni Grappe di Priscilla Occhipinti (Civitella Paganico). PISA: Marcampo di Claudia Del Duca (Volterra), Tenuta Riccardi Toscanelli di Nadia Negro (Pontedera). LIVORNO: Casone Ugolino - Vincenza Folgheretti (Castagneto Carducci).
EMILIA ROMAGNA
Due eventi a BOLOGNA Podere Riosto di Cristiana Galletti (Pianoro) e a RAVENNA Villa Rota di Donata Calderoni (Piangipane).
ABRUZZO
Festa delle Donne del Vino anche in Abruzzo: la delegazione regionale sta organizzando un brindisi al futuro con le donne del vino e le winelovers. La location sarà a breve comunicata sul sito www.festadonnedelvino.it
PUGLIA
Eventi collettivi e a tema in 6 location. FOGGIA: Marika Maggi, Cantina La Marchesa - Biblioteca comunale di Lucera. BARI: Marianna Cardone, Cantine Cardone, Marina Saponari dell’Associazione Dire Fare Gustare e Alessandra Lofino, giornalista a Villa Carenza, Monopoli; Flora Saponari, Vignaflora, e Betty Mezzina, sommelier allo Showroom Concessionaria Audi Magnifica, Triggiano. BRINDISI: Romina Leopardi, Tenute Rubino, Flora Saponari, Vignaflora, produttrice, e Lucia Leone, sommelier alla Masseria Il Frantoio, Ostuni. LECCE: Giusi Terribile, Cantina Terribile, al ristorante Corte Del Fuoco di Galatina. TARANTO: Sabrina Soloperto, Cantine Soloperto, Manduria.
CAMPANIA
Eventi diffusi sul territorio con l’hashtag #bevibene. Partecipano le produttrici: Maria Coppola, Cantina dei Monaci; Anna Famiglietti, Cantine Famiglietti; Ferrara Lucia, Sclavia; Grazia Formisano, Donna Grazia Vini del Vesuvio; Patrizia Malanga; Le Vigne di Raito - Organic Wine & Tour - Amalfi Coast; Loredana Matrone, Cerrellavini; Guida Gilda Martusciello, Salvatore Martusciello Wines; Daniela Mastroberardino, Terredora; Maria Palomba, Cantine Scala 1830; Milena Pepe, Tenuta Cavalier Pepe; Maria Patrizia Portolano, Azienda agricola Mario Portolano; Emanuela Russo, Cantine degli Astroni; Benigna Sorrentino, Sorrentino Vini; Lorenza Verrillo, Antica Masseria Venditti. Partecipano le ristoratrici: Gabriella Ciolfi, Alosclub Restaurant; Franca Di Mauro, Il Cellaio Di Don Gennaro; Lorella Di Porzio, ristorante Umberto; Michelina Fischetti, Oasis Sapori Antichi Vallesaccarda; Annalisa Fusco, Antica Osteria Frangiosa; Rosaria Galdiero, Veritas Restaurant; Maria Maddalena Giuliano, ristorante Gli scacchi; Gena Iodice, ristorante La Marchesella; Rosanna Marziale, Le Colonne Restaurant; Anna Sastri, La Casa di Ninetta.
SARDEGNA
Cantine aperte, degustazioni e brindisi. CAGLIARI: Valentina Argiolas, Cantina Argiolas (Serdiana); Elisabetta Pala, Cantina Pala (Serdiana); Nicoletta Pala, Audarya (Serdiana); Stefania Montisci, Terra Sassa- Frantoio Oleario Rubiu Z.I. (Santadi); Claudia Pinto, Enoteca Vitis Vinifera.
SICILIA
Le Donne del Vino della Sicilia danno appuntamento alle winelovers a TRAPANI per due brindisi: alle 12 con tema “Donne, vino e motore del fitness” all’Accademia Sport Trapani, in via dell’Acquedotto 11 a Erice Casa Santa e alle 18 “Donne, vino e motore della moda” nella boutique Stefania Mode in via Torre Arsa 27.

Tutti gli eventi, con maggiori dettagli, saranno a breve pubblicati sul sito www.festadonnedelvino.it e sul blog: www.ledonnedelvino.it

CHI SONO LE DONNE DEL VINO
Le Donne del Vino sono un’associazione senza scopi di lucro che intende promuovere la cultura del vino e il ruolo delle donne nella filiera produttiva del vino.
Nata nel 1988, conta oggi oltre 700 associate tra produttrici, ristoratrici, enotecarie, sommelier e giornaliste.

Associazione Nazionale Le Donne del Vino 02 867577
www.ledonnedelvino.com
info@ledonnedelvino.com

martedì 21 febbraio 2017

Grenaches du Monde 2017, risultati concorso

Si è svolta in Sardegna dall'8 all'11 febbraio 2017 la quinta edizione di “Grenaches du Monde”, il concorso internazionale dei Grenaches/Cannonau del mondo, promosso dal Conseil Interprofessionnel des Vins du Roussillon in collaborazione con la Regione Sardegna attraverso l’Agenzia Laore.
I vincitori del Grenaches du Monde 2017:
44 medaglie alla Sardegna padrona di casa,
108 alla Spagna,
a Francia e Italia (in totale) 51 riconoscimenti.
11 febbraio 2017 - Con un totale di 213 medaglie assegnate si conclude la V edizione del concorso enologico internazionale Grenaches du Monde, organizzato in Sardegna.
Durante la serata “La notte dei Grenaches” organizzata a Cagliari nei locali dell'ex Manifattura tabacchi, sono stati annunciati i nomi dei vini vincitori.
I cento giurati del concorso hanno premiato 213 vini tra i 684 campioni analizzati.
Le etichette provenivano da 8 diversi paesi.
Tra i riconoscimenti, 104 sono state le medaglie d'oro, 87 quelle d'argento e 22 quelle di bronzo.
All'Italia, pari merito con la Francia, sono andate in tutto 51 medaglie, di cui 44 alla Sardegna.
Alla Spagna ne sono invece state assegnate ben 108.
In dettaglio:
SPAGNA 55 oro, 41 argento, 12 bronzo – per un totale di 108
FRANCIA 28 oro, 22 argento, 1 bronzo – per un totale di 51
SARDEGNA 18 oro, 21 argento, 5 bronzo – per un totale di 44
ALTRE ITALIA 3 oro, 3 argento, 1 bronzo – per un totale di 7
MACEDONIA 1 bronzo
AUSTRALIA 1 bronzo
SUD AFRICA 1 bronzo.
Awards 2017:
http://www.grenachesdumonde.com/en/awards

Durante la serata è stato consegnato ufficialmente il testimone per l'organizzazione del prossimo concorso internazionale alla Catalogna, che si svolgerà ad aprile 2018 nella Regione di Terra Alta, zona dove si coltiva il Grenache bianco.
A salutare e ringraziare gli organizzatori anche il vice presidente della Regione Sardegna, Raffaele Paci che ha voluto sottolineare come il vino faccia «parte dell'identità di una regione e il Cannonau è uno dei simboli dei nostri prodotti e quindi attraverso questo e con simili manifestazioni vogliamo promuovere i nostri prodotti dell'agroalimentare in tutto il mondo. Ben vengano quindi manifestazioni come questa».

domenica 19 febbraio 2017

Nasce Foodway a tutela del made in Italy

Eccellenze alimentari, filiere corte e salute: nasce l’associazione Foodway a tutela del made in Italy dal produttore al consumatore.
Fondata a San Benedetto del Tronto (AP), dove si terrà un primo evento dal 17 al 19 marzo 2017 dedicato ai pesci del mare Adriatico.
Educazione, ricerca e difesa delle tipicità regionali anche in chiave turistica, gli obiettivi da raggiungere attraverso attività e collaborazioni trasversali.
Promuovere la diffusione della cultura enogastronomica italiana dentro e fuori i confini nazionali, valorizzare le eccellenze agricole e ittiche delle diverse regioni, sostenere la produzione e la commercializzazione dei prodotti del territorio attraverso la tutela e lo sviluppo di filiere corte e di alta qualità.
Con questi obiettivi da perseguire attraverso progetti e attività, insieme a istituzioni, operatori, università ed enti di formazione, è nata nei giorni scorsi a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) l’associazione culturale Foodway.
Soci fondatori sono Danilo Pignati, Sigismondo Gaetani, Emanuele Camilli e Graziano Neroni, che già nel mese di marzo daranno vita al primo evento associativo dedicato alla conoscenza dei pesci e della vita del mare Adriatico: da venerdì 17 a domenica 19 l’appuntamento è a San Benedetto del Tronto con “I tesori di papà pescatore”, tre giorni di attività rivolte a bambini e adulti con incontri, esperienze in acqua e degustazioni.
Siamo sommersi sempre più da cibi industriali di cui spesso non conosciamo provenienza, materie prime e processi di produzione – spiegano i soci fondatori di Foodway – allo stesso tempo sta maturando una nuova attenzione nei confronti dell’alimentazione da parte di cittadini di diversa età. A questi ultimi, ma anche a chi si è allontanato dagli antichi saperi e sapori della terra, è rivolta l’attività dell’associazione, che mira a tutelare i prodotti tipici e le tradizioni regionali, salvaguardare l’ambiente, promuovere il benessere e favorire un rapporto diretto tra produttori e consumatori consapevoli”.
Qualità e salubrità dell’alimentazione, vocazione produttiva e turistica dei territori, attività di ricerca ed educazione rivolta a ogni fascia di età, sono alcuni punti cardine esplicitati nello statuto della neonata associazione, che fin da subito apre le porte a collaborazioni con chiunque abbia a cuore i tesori enogastronomici e naturali nazionali.
Le materie prime a disposizione sono le migliori possibili, non vanno inventate ma riscoperte.” - sottolineano i soci fondatori - “Il nostro impegno sarà quello di favorire la nascita di reti stabili di collaborazione che stimolino la crescita dei diversi territori e il loro appeal nei confronti di consumatori e turisti italiani e stranieri”.

martedì 14 febbraio 2017

Benvenuto Brunello 2017, Montalcino

BENVENUTO BRUNELLO 2017
Montalcino (Si) 17-20 febbraio
Da quest'anno aperto a winelovers e appassionati.
25° edizione di Benvenuto Brunello un’edizione importante per l’elevata qualità dei vini, considerando che la vendemmia 2012 ha ricevuto le 5 stelle, e per la grande novità dell’apertura a tutti i wine lovers e appassionati: da quest’anno, per la prima volta, Benvenuto Brunello sarà aperta anche ai privati.
I visitatori potranno accedere alla manifestazione nelle giornate di domenica 19 e lunedì 20 febbraio, se in possesso del biglietto d’ingresso acquistato online sul sito www.consorziobrunellodimontalcino.it
Per le due giornate è in vendita un numero limitato di biglietti, disponibili fino a esaurimento.
All’interno della suggestiva cornice del Complesso di Sant’Agostino in Via Ricasoli 31, recentemente restaurato e da quest’anno nuova sede del Consorzio, i giornalisti, gli operatori e i visitatori di tutto il mondo potranno assaggiare sui banchi delle degustazioni:
Brunello di Montalcino 2012,
Riserva 2011,
Rosso di Montalcino 2015,
Moscadello e Sant’Antimo.
Confermati come ogni anno il convegno e la cerimonia di assegnazione delle stelle alla vendemmia, la consegna dei premi Leccio d’Oro e la posa della piastrella celebrativa in programma sabato 18 febbraio.
Registrazione e ticket on line:
http://www.vivaticket.it/ita/tour/benvenuto-brunello/1849
Orario:
Ven 17 febbraio: ore 9,30- 17,00 (solo stampa accreditata)
Sab 18 febbraio: ore 9,30- 17,00
Dom 19 febbraio: ore 10,00-18,00
Lun 20 febbraio: ore 10,00-18,00

Consorzio del Vino Brunello di Montalcino
via Boldrini 10
53024 Montalcino (SI)
Tel +390577848246 - Fax: +390577849425
Email: info@consorziobrunellodimontalcino.it

sabato 11 febbraio 2017

Rosso Piceno Doc '10 Rusus, Terra Fageto winery.

La tipologia Rosso Piceno dal tipico uvaggio di Montepulciano e Sangiovese è senz'altro la più diffusa in regione Marche.
L’area della Doc Rosso Piceno è infatti la più vasta della regione, comprendendo il territorio di ben quattro delle cinque province marchigiane: Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Ancona (con l’esclusione all’interno di quest’ultima, dei territori appartenenti alla zona di produzione del Rosso Conero).
Solo nella parte più meridionale di questa vasta zona di produzione, in una circoscritta area a ridosso della sponda sinistra del fiume Tronto che dal mare Adriatico arriva ad Ascoli Piceno, delimitata a sud dalla via Salaria e a nord dalla strada Ripatransone-Grottammare, si può ottenere la tipologia Superiore che è mero riferimento territoriale posto a tutela dell’area classica, storicamente vocata.
Tuttavia anche al di fuori di tale area a Doc storicamente vocata, non è poi così raro trovare dei Rosso Piceno di buon livello.
Ne è un esempio questo Rusus '10 dell’azienda vinicola biologica Terra Fageto di Pedaso (Fm).
Vino di punta dell’azienda pedasina che da qualche anno opera in regime di agricoltura biologica, affidabile in tutte le annate, ci risulta particolarmente riuscito nella versione 2010.
Ottenuto da selezione di uve Montepulciano 50% e Sangiovese 50% vendemmiate in leggero ritardo nella seconda metà di ottobre, macerato, fatto fermentare e affinato 6 mesi in acciaio, più ulteriori 12 mesi in botti di rovere da 25 ettolitri, si presenta alla vista di color rosso granato cupo, impenetrabile.
Il ventaglio di profumi è variegato e intrigante, corredato da note muschiate e tabacco, chiodo di garofano, sottofondo erbaceo, impronta visciolata.
In bocca l’avvolgenza alcolica e il calibrato uso dei legni arrotondano il quadro, peraltro sorretto da adeguata carica acidica.
Fine e corposo, maturo di frutto, mora e ciliegia in confettura, amaricante su toni cioccolatosi e torrefazione, sfumato di vaniglia.
Versatile in abbinamento lo abbiamo accompagnato a:
filetto di maiale al pepe verde
Rosso Piceno Doc '10 Rusus - alcool 13,5% - circa € 12.
Azienda Agricola Biologica Terra Fageto
via Valdaso 52 – Pedaso (Fm).
tel. +39 0734 931784
email: info@terrafageto.it
web: www.terrafageto.it
post correlato:
http://TerraFageto-CantinaDiRuscio-Pedaso-Campofilone.html

giovedì 9 febbraio 2017

I Migliori Vini Italiani 2017, Roma

Torna a Roma "I Migliori Vini Italiani", la manifestazione dedicata al mondo del vino firmata da Luca Maroni, una delle più autorevoli firme della critica enologica italiana.
I migliori produttori d'Italia presenteranno l'eccellenza della loro ultima produzione nella prestigiosa location del Salone Delle Fontane all’EUR - Via Ciro il Grande, 10-12, 00144 Roma.
4 giorni di degustazioni no-stop, oltre 100 espositori e più di 600 etichette.
Dopo il gala di inaugurazione, inizieranno le degustazioni aperte al pubblico.
L'evento sarà inaugurato da una speciale serata di premiazione su invito, durante la quale saranno premiati I Migliori Vini Italiani presenti nella guida "Annuario dei Migliori Vini Italiani 2017" curata da Luca Maroni e giunta alla sua 24a edizione.
Al termine della premiazione, quattro giorni di degustazione libera dei vini dedicata a tutti gli appassionati ed esperti, per assaporare e conoscere da vicino i prodotti dell'eccellenza italiana.

Il biglietto d'ingresso a singola giornata ha un costo di € 20 a persona (prevendita € 15).
Incluso nel prezzo, il bicchiere, la tasca portabicchiere e l'accesso ai laboratori previa prenotazione dal sito e fino ad esaurimento posti disponibili.

ORARI
GIOVEDI’ 16 FEBBRAIO 2017 ore 19.00
Serata di premiazione dei migliori vini italiani, secondo la classifica stilata sui risultati della guida Annuario dei Migliori Vini Italiani 2017 di Luca Maroni.
A seguire apertura dei banchi di degustazione di vini e assaggi gastronomici.
VENERDÌ 17 e SABATO 18 FEBBRAIO 2017 ore 16.00 – 24.00
(Ultimo ingresso ore 23.00)
Apertura al pubblico con degustazioni enogastronomiche, presentazioni nuovi vini, degustazioni guidate da Luca Maroni e iniziative collaterali.
DOMENICA 19 FEBBRAIO 2017 ore 16.00 – 21.00
(Ultimo ingresso ore 20.00)
Apertura al pubblico con degustazioni enogastronomiche, presentazioni nuovi vini, degustazioni guidate da Luca Maroni e iniziative collaterali.

Info, programma, contatti, ticket on line:
http://www.imiglioriviniitaliani.com/lm/eventoroma2017/

lunedì 6 febbraio 2017

Terre di Toscana 2017, Lido di Camaiore

Il più importante evento degustazione di vini toscani.
The most important tasting event on tuscan wines.
4,5,6 marzo 2017, UNA Hotel, Lido di Camaiore (LU)
La manifestazione si svolgerà a Lido di Camaiore (LU) negli spazi dell'Una Hotel a pochi metri dal mare della Versilia.
Saranno presenti circa 130 produttori e 600 etichette in rappresentanza di tutti i distretti vinicoli toscani.
Accanto a denominazioni basilari come Brunello di Montalcino, Chianti Classico, Carmignano, Nobile di Montepulciano, Vernaccia di San Gimignano, ci saranno i grandi rossi di Bolgheri, l'estremo sud con la Maremma dei Morellino di Scansano e la sua costa, i distretti emergenti come il Montecucco, la Val di Cornia, Cortona, le Colline lucchesi, pisane e massesi, quelli insoliti e sorprendenti come Garfagnana, Mugello, Casentino, Versilia, Colli di Luni.
Inoltre Terre di Toscana presenterà nuove aziende da scoprire e realtà biologiche e biodinamiche da approfondire.
L'area food sarà appannaggio di Golosizia, l’evento nell’evento curato dal giornalista enogastronomico Claudio Mollo.
In programma cooking show dove si alterneranno chef affermati ed astri nascenti.
Largo spazio alla gastronomia con artigiani del gusto, produttori di salumi, formaggi, olio, conserve, portati in assaggio e vendita.

Terre di Toscana è un evento ideato e organizzato da www.acquabuona.it

Orario:
Sabato 4 Marzo ore 14 – 19
Domenica 5 Marzo ore 11 – 19
Lunedì 6 Marzo ore 11 – 18
Ingresso:
€ 25 intero
€ 20 ridotto per i soci Ais, Fisar, Onav, Aies, Slow Food, Touring e abbonati al notiziario de L’AcquaBuona.
TERRE DI TOSCANA
UNA Hotel Versilia - via Sergio Bernardini ex Viale Colombo, 335/337
Info, programma, espositori, accrediti:
email: info@acquabuona.it
tel: 3356814021 - 3286486660
web: www.terreditoscana.info - www.acquabuona.it

mercoledì 1 febbraio 2017

Tenuta Luisa, Friuli Isonzo area.

Tenuta Luisa fondata nel 1927 da Francesco Luisa, oggi gestita da Eddi Luisa e dai figli Davide, agronomo e Michele, enologo, si trova a Mariano del Friuli (Go) nel cuore della Doc Isonzo.
Dispone di 130 ettari, di cui 85 dedicati alla vigna, per una produzione media annua di 350.000 bottiglie suddivise in 4 linee prodotto: EdmidaLuisaBrut Millesimeéi Ferretti.
Il 30% della produzione è destinato al mercato estero.
etichette testate:
Isonzo Friuli Doc '12 Friulano i Ferretti collezione
http://isonzo-friuli-doc-12-friulano-i.html
Isonzo Friuli Doc Sauvignon '14
http://isonzo-friuli-doc-sauvignon-14-tenuta.html
Venezia Giulia Bianco Igt '13 Desiderium
http://venezia-giulia-igt-13-desiderium-tenuta.html
Quest'area a denominazione, che prende il nome dal fiume Isonzo, si trova alla stessa latitudine, tra il 45° e il 47° parallelo, di altre zone vinicole particolarmente vocate come area Cognac in Francia, sud della Borgogna e Williamette Valley in Oregon.
La zona Doc Isonzo è un territorio piccolo (15 km lunghezza e 12 km larghezza) in provincia di Gorizia a due passi dal confine sloveno; è un altopiano di ghiaie trascinate a valle dalle acque di scioglimento dei ghiacciai milioni di anni fa e degradante verso il mare Adriatico.
Il terreno è quindi povero, brullo, ma ricco di sassi: il sottosuolo ha quasi 100 metri di sassi a Gorizia, 50 metri a San Lorenzo, 20 metri nella zona di Gradisca e Mariano del Friuli.
I sassi, detti "claps" in friulano, sono fondamentali per la viticoltura di questi territori, poichè accumulano calore durante il giorno e lo rilasciano durante la notte, favorendo una maturazione lenta e costante.
L'area è circondata a nord dalle Alpi Carniche e a sud dal Mare Adriatico, gode di clima ventilato grazie alla Bora che soffia da est, previene umidità ed eccesso di trattamenti in vigna, favorendo la salubrità dell'uva e l'uso di basse dosi di solfiti in produzione.
Promo video Isonzo Doc
Tenuta Luisa è anche ospitalità.
Ad ottobre 2010 è stata inaugurata Luisa Foresteria, un Bed and Breakfast ricavato dal restauro dell'antica cantina, dotato di 4 camere di cui una Junior Suite e 7 appartamenti.
Tenuta Luisa
sede cantina: via Campo Sportivo 13, località Corona
sede agriturismo: via Cormons 19
34070 Mariano del Friuli (GO)
Tel: +39 0481 69680 - +39 345 8825321
Fax: +39 0481 69607
Email: info@tenutaluisa.it
Web: www.tenutaluisa.it