sabato 31 maggio 2014

Radici del Sud 2014 a Carovigno.

Il salone dei vini autoctoni meridionali arriva alla 9^ edizione.
La manifestazione si svolgerà presso Relais Masseria Caselli a Carovigno (BR) dal 4 al 9 giugno.
Apertura al pubblico: 9 giugno
Oltre 170 aziende vinicole, in rappresentanza delle regioni:
Puglia, Sicilia, Calabria, Campania, Basilicata.
Il programma prevede:
4 - 6 giugno incontri BtoB tra aziende e buyer internazionali.
6 - 8 giugno tasting riservati ad una giuria di esperti italiani e stranieri.
9 giugno
ore 11:00 - 20:00
apertura al pubblico: acquisto kit degustazione € 10
ore 18:00
convegno "L'economia vitivinicola del Sud al tempo della crisi"
ore 19:30
proclamazione dei migliori vini valutati dalla giuria di esperti
ore 21:00
cena a buffet realizzata da sei chef pugliesi, accompagnata da una selezione di vini partecipanti a Radici del Sud 2014: ticket area ristorante € 20.
by: ivinidiradici.com
info:
Radici Wines
Associazione Propapilla Wine & Food
Via R. Bovio, 20
70100 – Bari
mob. +39.346.4076012

martedì 27 maggio 2014

Marche Flavoured in tour, Cantine Aperte 2014.

Wine Tour in pullman organizzato da Marche Flavoured
in occasione della 22^ edizione di Cantine Aperte:
manifestazione che il Movimento Turismo del Vino programma in tutt'Italia nell'ultimo week end di maggio.
Il tour di Marche Flavoured ha interessato 4 aziende vinicole della provincia di Ancona nella regione Marche.
vigneto Podere Santa Lucia
Prima cantina: Podere Santa Lucia a Monte San Vito
http://www.poderesantalucia.com/
Nata nel 2005, attualmente in fase di conversione al biologico, l'azienda dispone di 13,5 ettari coltivati prevalentemente a Lacrima e Verdicchio, ma anche Merlot, Petit Verdot, Incrocio Bruni 54; per una produzione media annua di circa 60.000 bottiglie.
Vini accomunati dal denominatore unico della freschezza.
I vini ottenuti da Incrocio Bruni 54, Lacrima di Morro d'Alba, Merlot e anche Verdicchio, possono connotarsi di sensazioni verdi, pungenti, non sempre gradite al palato.
Dalle degustazioni fatte e dal colloquio diretto con il produttore, mi pare di poter dire che l'impegno aziendale sia rivolto proprio in questa direzione; ovvero al controllo dei caratteri più ostici delle uve, senza snaturarne le peculiarità e i caratteri distintivi.
Personalmente segnalerei i prodotti a base Lacrima di Morro d'Alba, sia nella versione normale Lacrima di Morro d'Alba doc, che in quella selezione Lacrima di Morro d'Alba doc Vigna delle Cantarelle.
Attualmente in fase sperimentale ed in presa di spuma, anche un Metodo Classico in serie limitata, parte da uva Verdicchio e parte da uva Lacrima.

Seconda cantina: Bartolucci Quota 33 a Morro d'Alba
http://www.gianlucabartolucci.it/
Azienda giovane (la prima vinificazione risale al 2009), di piccole dimensioni.
Dispone infatti di 6 ettari e mezzo di proprietà, più un altro in affitto, coltivati a Lacrima di Morro d'Alba e Verdicchio; per una produzione media annua di circa 50.000 bottiglie.
Immersa nello splendido paesaggio collinare marchigiano, l'azienda punta a coniugare innovazione e tradizione; valorizzando le compatibilità tra vitigno, territorio, creatività e ricerca.
Sette le etichette attualmente in produzione: quattro a base Lacrima tra cui un rosè e tre a base Verdicchio.
Per quest'ultima tipologia segnalerei:
Verdicchio dei Castelli di Jesi doc Classico "Gianluca", tipico, beverino, ideale su cucina di mare.
Verdicchio dei Castelli di Jesi doc Classico Superiore "Superum Mare", ottenuto da uve leggermente surmature, non filtrato, 70% in cemento vetrificato, 30% in legni di primo passaggio: un vino molto particolare, non immediato, che evolve e si modifica nel corso della degustazione e può essere emblematico della filosofia aziendale di cui sopra.
Ugualmente validi i vini a base Lacrima:
Lacrima di Morro d'Alba doc "Gianluca".
Lacrima di Morro d'Alba doc "Decumano" 40% in legni di 1°, 2°, 3° passaggio e 60% in cemento vetrificato.
Tasting Decumano 2012:
http://lacrima-di-morro-dalba-superiore-12.html

Terza cantina: Fattoria Le Terrazze a Numana
http://www.fattorialeterrazze.it/
Azienda prestigiosa, di consolidata tradizione (la costruzione della cantina di proprietà della famiglia Terni risale al 1882), è oggi tra le più rappresentative dell'areale del Conero.
Standard qualitativi elevati su tutta la linea, con punte d'eccellenza per i vini a base Montepulciano, che qui trovano l'espressioni più autentiche e alte.
L'azienda dispone di poco più di 20 ettari coltivati principalmente a Montepulciano, Merlot, Syrah, Pinot Nero, Chardonnay, per una produzione media annua di circa 90.000 bottiglie.
In questa occasione degustati:
Marche igt Chardonnay "Le Cave".
Metodo Classico "Donna Giulia", da uva Montepulciano vinificato in bianco.
Rosso Conero doc "Praeludium", vinoso, fruttato, floreale.
Rosso Conero doc, convincente espressione del vino rosso cosiddetto "base".
Marche rosso igt '08 Chaos, 50% Montepulciano, 25% Syrah, 25% Merlot:
Non immediato, quadro organolettico complesso.
Più convincente dopo adeguata ossigenazione.
Da un lato la terziarizzazione giocata su frutto nero stramacerato, sentori animali e cuoio, dall'altro i toni più freschi quasi agrumati, fanno di questo vino un "Chaos" di nome e di fatto.
Annate a volte straordinarie a volte meno, ma sempre di grande carattere.
Tasting Chaos '07:
http://marche-rosso-igt-chaos-07-di-fattoria.html

Conero Riserva Docg '08 Sassi Neri, da uva Montepulciano:
Top wine, pressochè perfetto.
Materico, polposo, persistente senza essere stucchevole.
Trova il punto d'equilibrio tra parti dure e morbide.
Un vino da godere.
In altra sede degustati:
Conero Riserva Docg '04 Sassi Neri
Rosso Conero Doc '01 Vision of J

Quarta cantina: Moncaro cantina del Conero a Camerano
http://www.moncaro.com/it/
Terre Cortesi Moncaro fondata nel 1964, è la cantina cooperativa più importante della regione Marche.
Dispone di circa 1.600 ettari vitati (suddivisi tra le provincie di Ancona ed Ascoli Piceno) e può contare su circa 1000 conferitori.
L’azienda ha tre cantine di trasformazione.
Due in provincia di Ancona: a Montecarotto(nell’areale del Verdicchio) e a Camerano (nell’areale del Rosso Conero)
Una in provincia di Ascoli Piceno, ad Acquaviva Picena (nell’areale del Rosso Piceno).
Innumerevoli sono le etichette prodotte e diversificati i livelli qualitativi dei vini, che riescono a coprire diverse fasce commerciali e soddisfare qualsiasi esigenza di mercato.
In questo caso il tour ha toccato la cantina di Camerano, dove vengono lavorate le uve a bacca rossa destinate alla produzione di Rosso Conero doc e Conero Riserva docg.
Vini degustati:
Verdicchio dei Castelli di Jesi doc Classico "Le Vele"
Verdicchio dei Castelli di Jesi doc Classico Superiore "Verde Caruptae"
Conero docg Riserva "Vigneti del Parco"
Birra Artigianale al Verdicchio "Kikka"
tasting Kikka:
http://birra-artigianale-kikka-di-moncaro.html
Conero docg Riserva "Cimerio"
tasting Cimerio '08:
http://conero-riserva-docg-cimerio-08-di.html
tasting Atavico '13 (So2 free):
https://piceno-open-anteprima-2015-degustazione.html

sabato 24 maggio 2014

Verdicchio dei Castelli di Jesi Podium '06, Garofoli vini.

L’andamento meteo particolarmente favorevole, ha fatto della 2006 una delle annate da ricordare in tutto l’areale del Verdicchio dei Castelli di Jesi.
Ne è prova il classico superiore Podium di Casa Vinicola Garofoli qui testato.
Un’etichetta di prestigio, pluripremiata dalle principali guide vino nazionali.
In particolare quest’annata ’06 ebbe riconoscimento dalle guide edite nel 2009.
Ottenuto da uva Verdicchio, maturato per oltre un anno in acciaio inox e successivo affinamento in bottiglia per circa 5 mesi, si presenta alla vista cristallino, di color giallo verdolino tendente al dorato.
Fase olfattiva più complessa che intensa, caratterizzata da sentori stramaturi di frutta secca, gherigli di noce, mandorla, contrappuntati da sentori più freschi di frutto tropicale, lychee, susina, sfumature d'erbette aromatiche e paglia bagnata.
Scorrevole e caldo in bocca.
Tendenzialmente morbido, fruttato.
In particolare evidenza ananas, maracuja, buccia d'agrume candita, accenni vegetali.
Citrino in centrobocca e ammandorlato in chiusura.
Quadro organolettico ricco e armonico, proiettato su toni maturi.
Testato in secondo step da bottiglia scolma, a distanza di 48 ore dal primo test, risulta ancor più ricco e convincente.

Verdicchio dei Castelli di Jesi doc classico superiore ’06 Podium
alcool 14 % - circa € 11.
Casa Vinicola Gioacchino Garofoli - Castelfidardo (An).
http://www.garofolivini.it/
Abbinato su baccalà con patate

martedì 20 maggio 2014

Cantine Aperte 2014, Rosso Conero wine tour bus.

Cantine Aperte degustazione Rosso Conero
25 Maggio 2014
Viaggio organizzato per un evento enoturistico tra i più importanti in Italia che si svolge l’ultima domenica di maggio.
In tale occasione le cantine socie del Movimento Turismo del Vino aprono le loro porte al pubblico, favorendo un contatto diretto con gli appassionati di vino.
fonte: www.esitur.com -
Cantine Aperte è diventato nel tempo una filosofia, uno stile di viaggio e di scoperta dei territori del vino italiano.
Noi vi porterermo a visitare le cantine della zona del Conero produttrici del celebre "Rosso Conero".
In zona Monte Conero si è creato, grazie alla vicinanza del mare, un meraviglioso ambiente per la coltivazione delle uve rosse.
Un microclima continuamente ravvivato dalle brezze marine e un terreno calcareo, povero, ma di grande struttura, permettono al vitigno Montepulciano di esprimere nel Rosso Conero una tipicità impossibile altrove.
Lungo la strada del Rosso Conero, tra ginestre, corbezzoli e ligustri, si potranno scoprire le vigne che, ora silenziosamente aggrappate ad impervi costoni, ora voluttuosamente adagiate su morbide colline, fanno di ogni Rosso Conero un crù meritevole di essere conosciuto e assaggiato nelle splendide cantine che ne punteggiano il territorio.
promontorio del Monte Conero
Vediamo il percorso studiato per questa giornata:
Si parte da JESI (Porta Valle) ore 8,30, si possono effettuare salite a richiesta lungo il percorso.
Poi ci si ferma ad Ancona alle ore 9,00/9,15 in Piazza D’Armi per raccogliere il resto del gruppo.

Si intraprende quindi la strada del Rosso Conero tutti insieme:
1) A Candia (AN), con la prima cantina Azienda “Piantate Lunghe”, vi viene consegnato il “calice di Cantine Aperte 2014 ” (compreso nel prezzo della gita organizzata) che utilizzeremo per le degustazioni.
I bravissimi ed ospitali produttori dell'Azienda Piantate Lunghe, Roberto e Guido, hanno come cavalli di battaglia il Rosso Conero DOC e il Conero DOCG riserva “Rossini” vincitrice di numerosi premi e con un'accattivante etichetta.
Qui i prodotti sono lavorati ed affinati sia in vasche di cemento che in legno francese, con il rispetto delle piante e la naturale e lenta maturazione dei vini.
Probabilmente per questa occasione ci saranno degli artigiani ad esporre le loro creazioni.
2) Si arriva poi ad OFFAGNA per la visita alla Cantina Malaccari dove degusteremo il Rosso Conero Villa Mallacari prodotto con uve montepulciano in purezza ottenute da un vigneto di 15 ettari di circa 15 anni di età.
Visiteremo quindi Villa Malacari, una villa fortificata costruita nel 1668 con la funzione di residenza estiva per i Conti Malacari di Grigiano e con l'intento di raccogliervi tutte le attività agricole: vi sono infatti, oltre alla cantina per la pigiatura e la vinificazione e i sotterranei per la conservazione dei vini da invecchiamento, il granaio, il frantoio, la falegnameria e l'attrezzeria.
Meraviglioso è anche il parco che la circonda.
3) Poi ci muoveremo alla volta della Casa Vinicola Garofoli.
Le sue origini risalgono alla fine del 1800.
La Casa Vinicola Gioacchino Garofoli ha una storia centenaria e può essere annoverata fra le più antiche in Italia.
Da allora la Garofoli ha sempre cercato di reggere il passo delle migliori case restando in sintonia con l'evolversi della tecnica enologica, ma sempre con rispetto dei sistemi tradizionali di far vino.
Attualmente le operazioni di vinificazione del verdicchio, vengono effettuate nella cantina di Serra de' Conti, mentre le uve di Rosso Conero sono lavorate nella cantina di Castelfidardo, dove avvengono inoltre le operazioni di affinamento dei vini, spumantizzazione ed imbottigliamento.
Interessantissimo il percorso proposto dalla casa vinicola per questa giornata con relativa degustazione.
Ci trasferiremo quindi intorno all'ora di pranzo a Portonovo (AN) dove visiteremo ben tre cantine produttrici non solo di vino ma anche prodotti della gastronomia locale.
Sono tutte tipiche strutture di campagna con ampio prato dove potremo godere del sole e dove degusteremo i prodotti tipici.
4) La Cantina Polenta è una piccola azienda agricola famigliare a conduzione strettamente artigianale.
Situata nel cuore del Parco del Conero tra le colline assolate del Monte, sopra la baia di Portonovo, immersa in un paesaggio naturale perfettamente conservato.
L'azienda dispone di circa 3 ettari di "terre bianche" (calcaree su base argillosa) destinate alla vigna e annesso vi è anche l'agriturismo "L'Accipicchia" dove si può spizzicare qualcosa se avremo ancora fame.
5) L'Azienda Pieri appartiene alla famiglia dal 1830 circa e grazie anche al laboratorio alimentare interno produce olio, cereali, legumi, biscotti, pane e confetture da degustare e comprare.
La proprietà si compone di circa 80 ettari ed il vigneto si sviluppa dalla spiaggia di Mezzavalle (nei pressi di Portonovo - Ancona) sino a sotto il Poggio.
L'ubicazione dei vigneti, sia per la vicinanza al mare, che per l'altitudine, è peculiare per il prodotto Rosso Conero.
Infatti questa combinazione, unita all'elevatissima presenza del calcare attivo nei terreni, produce un vino ricco di mineralità e complessità.
I restanti possedimenti sono composti da uliveti e seminativi.
6) Infine l'ultima cantina, l'Azienda Agricola Moroder appartenente alla famiglia Moroder dall'inizio dell'800, è situata a Montacuto, nel cuore del Parco naturale del Cónero e dell'area di produzione del rosso a denominazione d'origine controllata.
Qui il vitigno Montepulciano, vinificato in purezza, grazie al particolare microclima che si viene a creare fra queste colline in vicinanza del mare, dà un Rosso Conero tipico che si esprime ai livelli più alti.
L’accurata selezione delle uve in vigna e l’ammodernamento della bottaia, sono gli ingredienti attraverso i quali il "Rosso Conero" ed il "Dorico" che ne è una selezione, sono riusciti ad affermarsi, ottenendo anche prestigiosi riconoscimenti.
In occasione di Cantine Aperte la famiglia Moroder organizzerà concerto di musica Jazz al tramonto facendoci chiudere quindi meravigliosamente bene la nostra giornata.
Rientro previsto per le ore 19,30-20
QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 28,00
Comprende: Viaggio in pullman – Assistente di viaggio - Bicchiere di vino per le degustazioni (comprende gli assaggi dei vini nelle cantine).
Esclusi: Pranzo e quanto non indicato.
info:
ESITUR
C.so Matteotti 12
60035 - Jesi - AN
info@esitur.com
+39 0731.59932
CROGNALETTI
Via Staffolo 5
60035 - Jesi - AN
jesi@autolineecrognaletti.it
+39 0731.200314
web:
http://www.esitur.com/

sabato 17 maggio 2014

Wine news da Bruxelles, commercio vendita diretta.

La vendita diretta ai privati dentro i confini europei non è una prospettiva sfumata.
I vignaioli e i piccoli produttori possono tirare un sospiro di sollievo e ricominciare a sperare.
Per l’istanza che chiede lo snellimento della compravendita e il superamento delle accise, si apre uno spiraglio.
E' stato fatto un passo in avanti.
La Commissione Europea ha deciso di avviare uno studio su questa forma di vendita, di cui si è fatta promotrice a Bruxelles la Confédération Européenne des Vignerons Indépendants, l’organizzazione internazionale che riunisce i vignaioli indipendenti europei, presentando un documento sulla semplificazione della materia, che poi ha portato a due interrogazioni parlamentari.
Adesso è pronto il questionario che servirà all’indagine.
Verrà presto inviato ad un panel di produttori selezionati in tutta Europa.
Il questionario è stato stilato per sondare e comprendere i vantaggi, le difficoltà e l’impatto della vendita diretta per chi la pratica.
Ad averlo visto stampato, è stata proprio la presidente della Fivi Matilde Poggi, a Palazzo Justus Lipsius sede del Consiglio, dove si è recata qualche settimana fa.
Seguiranno lo studio: la Direzione generale dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale della Commissione Europea e la Direzione Generale Fiscalità e unione doganale.
by: www.ilgiramondo.net
“L’Unione Europea è stata fondata per la libera circolazione delle merci e delle persone  
- dice la Poggi - invece s'impedisce di vendere direttamente al privato di un altro stato comunitario.
Siamo tutti obbligati a nominare il rappresentante fiscale che si occupa della transazione e del trasporto, a sottoporci a trafile burocratiche onerosissime.
Praticamente siamo costretti ogni volta a pagare una gabella che fa lievitare il prezzo del vino.
Paghiamo la spedizione e paghiamo la gestione della pratica accise anche quando queste, sia nel Paese di partenza che di destinazione, sono a zero.
In questo modo si penalizzano i piccoli produttori che non hanno una distribuzione globale, si congela il commercio.
Si fa tanto per fidelizzare il cliente che viene a trovarci o che acquista da noi il nostro vino, ma poi si finisce col perderlo una volta rientrato a casa, nel proprio Paese, non potendo più vendere alle stesse condizioni che avevamo applicato in cantina o nel nostro punto vendita.
La Fivi da tempo si batte in prima linea per cambiare le cose insieme alla Cevi, di cui fa parte”.

Per la presidente, la decisione presa dalla Commissione è un traguardo; un segnale positivo che mostra, oltre l’interessamento, la volontà da parte delle istituzioni di approfondire la questione e probabilmente di valutare nuovi orizzonti di mercato.

Una buona notizia che rincuorerà sicuramente anche il sistema dell’e-commerce.
Proprio uno dei rappresentanti di questo canale, Filippo Ronco di Vinix, che ha creato Grassroots Market, qualche mese fa lanciava attraverso la rete un appello ai colleghi e ai produttori https://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=7213&lang=ita
invitandoli ad unirsi contro questi paletti che stanno penalizzando una parte importante del mondo produttivo, fatto da realtà ridimensionate, per lo più familiari, ma dal peso specifico importante.
(fonte: cronachedigusto.it)

l'intero post di Manuela Laiacona:
http://www.cronachedigusto.it/archiviodal-05042011/325-scenari/13205-uesi-apre-uno-spiraglio-per-la-vendita-diretta-ai-privati-la-commissione-avvia-uno-studio.html

mercoledì 14 maggio 2014

Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell’Olio 2014

Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell’Olio - 17/05/2014
Sabato 17 maggio in diverse sedi su tutto il territorio nazionale, sommelier, medici, storici e altri esperti incontreranno appassionati, addetti ai lavori e tutti coloro che desiderano saperne di più su due tra i prodotti fondamentali per l'economia nazionale e motivo di orgoglio di tutta la Penisola: vino e olio.
La manifestazione ha ricevuto fin dalla prima edizione la medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che con questa onorificenza ha voluto sottolineare l'importanza del tema e la sensibilità della massima carica dello Stato per il mondo del vino, dell'olio, dei prodotti di qualità e della loro cultura.
Nella regione Marche programmato il convegno:
Cibo Buono v/s Cibo Cattivo
-salute e contraffazione-
Sono sempre di più le frodi alimentari.
Le “agromafie” ne hanno fatto un business.
La lotta degli organi di controllo sempre più attiva e attenta.
Ma nonostante tutto gli scaffali, anche internazionali, sono pieni di fasulle DOP e IGT italiche.
Come possiamo difenderci?
Come possiamo tutelare la nostra salute?
Come possiamo tutelare gli onesti produttori?
Università Politecnica delle Marche
Facoltà di Agraria
(Via Brecce Bianche – Monte Dago – ANCONA)
17 maggio 2014 ore 10:00
Interventi:
Prof. Oriana Silvestroni docente di viticoltura presso la Facoltà di Agraria di Ancona
Dott. Barbara Alfei ASSAM Ancona
Dott. Mario Mauro Mariani angiologo e nutrizionista
Prof. Luigi Costantini Presidente Assoenologi Marche
Moderatore Prof. Stefano Isidori
Maggiori info
segreteria@aismarche.it
fermo@aismarche.it

domenica 11 maggio 2014

Pietrasanta Vini d'Autore 2014, Terre d'Italia.

Seconda edizione dell'evento organizzato da
L'AcquaBuona
- periodico di cultura enogastronomica - 
comunicato stampa L'AcquaBuona
Una copertura quasi totale delle regioni italiane con tanti bei nomi da non perdere.
70 produttori che presenteranno anche etichette delle annate passate, per rendere più profonda la conoscenza dei loro vini.
Ecco i protagonisti presenti a Pietrasanta (LU):
  • Piemonte: Adriano Fratelli (Piemonte – Langhe), Castello di Neive (Piemonte – Langhe), Elio Grasso (Piemonte – Langhe), Ettore Germano (Piemonte – Langhe), Paitin (Piemonte – Langhe), Parusso (Piemonte – Langhe), Roagna (Piemonte – Langhe), Tenute Cisa Asinari Marchesi di Gresy (Piemonte – Langhe), Travaglini (Piemonte – Gattinara), Vajra (Piemonte – Langhe)
  • Lombardia: Bellavista (Lombardia – Franciacorta), Ca’ dei Frati (Lombardia – Lugana), Clarabella (Lombardia – Franciacorta), Contadi Castaldi (Lombardia – Franciacorta), Il Mosnel (Lombardia – Franciacorta), La Montina (Lombardia – Franciacorta), Picchioni Andrea (Lombardia – Oltrepò Pavese)
  • Liguria: Bruna (Liguria – Riviera Ligure di Ponente), Giacomelli (Liguria – Colli di Luni), Ka* Manciné (Liguria – Dolceacqua), La Pietra del Focolare (Liguria – Colli di Luni), Le Rocche del Gatto (Liguria – Riviera Ligure di Ponente), Tenuta Anfosso (Liguria – Dolceacqua) 
  • Friuli Venezia Giulia: Gaspare Buscemi (Friuli – Collio), Castello di Buttrio (Friuli – Colli Orientali del Friuli), Drius (Friuli – Collio e Isonzo), I Clivi (Friuli – Collio e Colli Orientali), La Bellanotte (Friuli – Isonzo), Lis Neris (Friuli – Isonzo), Ronco del Gelso (Friuli – Isonzo), Venica & Venica (Friuli – Collio)
  • Emilia Romagna: Cantina della Volta (Emilia -Modena), Cantina di Sorbara (Emilia – Sorbara)
  • Alto Adige: Cantina di Terlano (Alto Adige – Terlano),  Colterenzio (Alto Adige), Dipoli Peter (Alto Adige – Egna), Falkenstein (Alto Adige – Val Venosta), Hartmann Donà (Alto Adige – Merano), Manni Nössing (Alto Adige – Valle Isarco)
  • Campania: Cantine Di Marzo (Campania – Irpinia), Traerte-Vadiaperti (Campania – Irpinia)
  • Trentino: Cantine Ferrari (Trentino), Pojer e Sandri (Trentino)
  • Toscana: Casavyc (Toscana – Maremma), Castello Vicchiomaggio (Toscana – Chianti Classico), Fattoria di Magliano (Toscana – Maremma), Felsina (Toscana – Chianti Classico), La Fralluca (Toscana – Suvereto), Petra (Toscana – Suvereto), Pietroso (Toscana – Montalcino), Tenuta La Badiola (Toscana – Castiglione della Pescaia)
  • Sicilia: Firriato (Sicilia – Trapani, Etna e Isola di Favignana), Gulfi (Sicilia – Pachino), Passopisciaro (Sicilia – Etna), Pietradolce (Sicilia – Etna)
  • Veneto: Gini (Veneto – Soave), Pra (Veneto – Soave), Ruggeri (Veneto – Valdobbiadene), Suavia (Veneto – Soave), Zenato (Veneto – Lugana e Valpolicella)
  • Basilicata: Grifalco (Basilicata – Vulture)
  • Puglia: Leone De Castris (Puglia – Salento)
  • Sardegna: Mora & Memo (Sardegna – Serdiana), Mura (Sardegna – Gallura), Pala (Sardegna – Serdiana)
  • Valle d'Aosta: Ermes Pavese (Valle d’Aosta – Morgex)

  • Umbria: Tenuta Castelbuono (Umbria – Montefalco)

  • Abruzzo: Torre dei Beati (Abruzzo – Loreto Aprutino)
Vini in degustazione:

Inoltre lunedì 19 maggio alle ore 15 Sala dell'Annunziata, degustazione guidata di vini della Loira, a cura dell’agronomo ed enologo Lamberto Tosi.
Venti posti disponibili, ingresso libero.
Prenotazioni lunedì stesso all’ingresso.
I vini:
- Vignoble Musset- Roullier
La Pommeraye – AOC Anjou
Cremant de la Loire Le Noctambule (36% chardonnay, 22 % chenin, 42 % cabernet franc)
Anjou Blanc Sec Le Moulin 2011 (chenin 100%)
Anjou Coteaux de la Loire Moelleux La Royauté 2013 (chenin 100%)
- Domaine des Cognettes
Perraud Frères
Clisson – AOC Sèvre et Maine
Muscadet Sèvre et Maine sul Lie Séléction des Cognettes 2012 (melon de Bourgogne 100%)
Muscadet Sèvre et Maine Clisson 2007 (melon de Bourgogne 100%)
Muscadet Sèvre et Maine Tentation 2005 (melon de Bourgogne 100%)
- Vignoble de la Jarnoterie
Saint Nicolas de Bourgueil
Saint Nicolas de Bourgueil Concerto 2010 (cabernet franc 100%)
by: www.pietrasantavini.it
Chiostro di Sant’Agostino – Piazza Duomo – Pietrasanta (LU) 
domenica 18 maggio: ore 11,30-19,30
lunedì 19 maggio: ore 11,30-18,30
Ingresso € 20
ridotto € 15
(per i soci AIS, FISAR, ONAV, SLOW FOOD, TOURING e abbonati al notiziario de L’AcquaBuona)
L’ingresso dà diritto alla degustazione di tutte le etichette presenti e al calice in omaggio

Per informazioni e accrediti:
info@acquabuona.it
tel. 335.6814021 - 328.6486660 - 339.1177267
www.pietrasantavini.it

venerdì 9 maggio 2014

Cantine Aperte 2014, Verdicchio e Conero wine tour bus.

Domenica 25 maggio torna nella regione Marche, l'annuale wine tour in pullman in occasione di "Cantine Aperte".
Alla scoperta di eccellenti cantine della provincia di Ancona (dal Verdicchio, al Lacrima, fino al Rosso Conero, dagli spumanti ai vini dolci).
Organizzazione Marche Flavoured http://www.marcheflavoured.com/en/
In collaborazione con AIS delegazione di Ancona & Castelli di Jesi e con il patrocinio del Movimento Turismo del vino delle Marche - MTV.

►PROGRAMMA:
●Viaggio in pullman
●Degustazioni e visite di quattro aziende vinicole:
Podere S.Lucia
Quota 33
Moncaro cantina del Conero
Fattoria Le Terrazze.
Vini in degustazione
►COSTO: € 23
Comprende: Viaggio in bus, visite e degustazioni di vino in ogni cantina con calice, degustazioni di cibo, promozioni e sconti riservati per acquisti nelle cantine.
►PARTENZE:
09.45 - Porto S.Elpidio "parcheggio fronte Loriblu"
10.00 - Civitanova Marche "parcheggio Mercatone Uno"
10.20 - Ancona sud "parcheggio nuovo Pittarello"
10.30 - Ancona nord "parcheggio Gigolè"
►INFO:
329 0087414 - 3338458530
marche.flavoured@gmail.com

Org.tecnica: c.m1/332 Provincia di Padova c.i.v.a.t.u.r.s. viaggi Ass Zurich 076/A3341

( fonte: Marche Flavoured )

mercoledì 7 maggio 2014

Vernaccia di Serrapetrona Petronio di Alberto Quacquarini.

Degustazione verticale di quattro annate Marche Rosso igt Petronio dell'Azienda Alberto Quacquarini di Serrapetrona (MC), svoltasi sabato 3 maggio 2014 nel corso della 3^ edizione di "Infinito Wine Festival" a Recanati (MC).
Petronio è un vino fermo, ottenuto da uve Vernaccia Nera, raccolte ad ottobre e sottoposte ad un periodo d'appassimento di almeno tre mesi.
Evolve tre anni e mezzo in cantina in botti di legno, prima della messa in commercio.
Viene prodotto solo nelle annate migliori.
Attualmente sono sul mercato le '06 e '08; mentre la '07 non è stata prodotta, così come la '09.
Prezzo in enoteca circa € 20.
L'Azienda Alberto Quacquarini http://www.quacquarini.it/ ha avuto il merito di promuovere su larga scala le peculiarità della Vernaccia Nera: storico vitigno che trova solo nell'areale circoscritto di Serrapetrona, la sua zona d'elezione.
L'Azienda dispone di 35 ettari di vigneto, da cui ricava circa 150.000 bottiglie anno.
Esposizione ed escursione termica, garantiscono l'ideale maturazione delle uve e standard qualitativi elevati su tutta la gamma della Vernaccia: sia nella versione spumante secco o dolce, sia nella versione vino fermo.

La degustazione verticale è stata guidata dal titolare Mauro Quacquarini, dal Prof. Carlo Cambi e dal Somm. Stefano Isidori.
Si è scelto di procedere in progressione gustativa dall'edizione più datata in poi, per la diversa impronta delle annate, dovuta ad almeno tre fattori: polimerizzazione lunga dei tannini, grado alcolico, intensità di quadro organolettico.
Marche Rosso igt '98 Petronio - alcool 12,5 %.
Vendemmia non particolarmente fortunata dal punto di vista climatico; ciò ha reso più difficoltoso, cogliere il giusto grado di maturazione delle uve da sottoporre poi ad appassimento.
Colore rubino con bordi aranciati.
Intrigante al naso, caratterizzato da sfumature dolciastre molto particolari: carruba e tamarindo.
Al palato è sorprendente per piacevolezza.
Note di cioccolato e fresco nonostante l'età.
Leggero e levigato, dal tannino inavvertibile.

Marche Rosso igt '01 Petronio - alcool 13 %.
Colore rubino brillante, ancora molto vivo.
Al naso note animali, humus, sfumato di frutto, ciliegia appena accennata.
Anche questo conserva un palato leggero, fresco, lievemente tannico.
Integro nelle sue note vegetali tipiche e speziato.
Quadro organolettico estremamente equilibrato ed armonico.
Arriva a mio parere ora, ad un ideale stato di maturità.

Marche Rosso igt '06 Petronio - alcool 14,5 %.
Colore rubino brillante.
Naso vegetale, corredato da note di ciliegia e ribes rosso.
Al palato è pieno, grasso: più materico rispetto alle annate precedentemente degustate.
Struttura e tannino.
Mediamente persistente.

Marche Rosso igt '08 Petronio - alcool 14,5 %.
Colore rubino profondo, impenetrabile.
Naso meno intenso del precedente, giocato prevalentemente su note speziate: pepe e marasca.
Al palato è tannico, laddove altresì emergono le note dolciastre d'appassimento: cioccolato, amarena sotto spirito, spezie dolci.
Materico e persistente.

In conclusione quattro bellissime annate, secondo il mio punto di vista.
Grande finezza nelle prime due.
Più materiche le seconde, in fase evolutiva e destinate a lunga conservazione ultradecennale.

martedì 6 maggio 2014

Infinito Wine Festival 2014, tra luci e ombre.


Al termine della 3^ edizione svoltasi  presso il Palazzo Comunale di Recanati (MC) nei giorni 3-4 maggio 2014, ricevo dall'ufficio stampa di Infinito Wine Festival il seguente
comunicato stampa
VINI DELLE MARCHE E PESCE DELL’ADRIATICO
Una storia d’amore all’ INFINITO WINE & SEAFOOD FESTIVAL 2014
Un matrimonio di successo, quello tra i vini delle Marche e il pesce dell’Adriatico, celebrato in questa due giorni all’insegna dell’artigianato enogastronomico marchigiano.
L’Infinito Wine & Seafood Festival
"Chiusura dei vini, gestione dell'ossigeno e sostenibilità"
a cura di Nomacorc
La kermesse recanatese che si chiude oggi al Palazzo Comunale di Recanati, lascia dietro di sé una scia di soddisfazione.
Soddisfazione per i riscontri positivi ottenuti dalla campagna di sensibilizzazione che da anni l’Associazione Culturale Enogastronomia.it porta avanti nei confronti delle eccellenze e delle tipicità delle Marche.
Prodotti di altissima qualità che stanno trovando la giusta collocazione nel mercato.
Azienda Finocchi - Staffolo (AN)
Verdicchio Castelli di Jesi doc cl.sup. '11 il Pojo
Marche igt Incrocio Bruni '12
Lo conferma una delle ospiti della manifestazione Luisanna Messeri, chef nella trasmissione televisiva di RaiUno La Prova del Cuoco:
«Queste situazioni danno vita e danno benzina alla nostra economia.
Qui vedi la gente rendersi conto che esiste ancora un gruppo di coraggiosi produttori che testardi continuano a voler fare le cose per bene».
Tenuta Spinelli - Castignano (AP)
Offida Pecorino docg '12 Artemisia
Metodo Classico "Mèroe"
E ce lo conferma anche l’enologo Roberto Potentini che ha notato che:
«Al Vinitaly è stato un grosso successo.
Le Marche hanno evidenziato una grande visibilità e riconoscibilità.
L’Infinito Wine Festival, nelle sue dimensioni, ha un ruolo importantissimo.
Il Verdicchio ha dovuto sdoganare l’immagine e ha acquisito nobiltà nel mercato vitivinicolo.
Se s’inizia a parlare di Ribona, se rimane alta l’attenzione sul territorio e i vini delle Marche, se la Vernaccia sta diventando uno spumante di nicchia, tutto questo lo si deve anche a manifestazioni come l’Infinito Wine Festival, che si colloca come una delle manifestazioni più qualificate perché esce dalla struttura della fiera e della sagra ed entra in un ambito più nobile, qualificato, elitario.
A mio parere è una manifestazione idonea a sostenere la comunicazione di qualità dei vini marchigiani».
Azienda I Tre Filari - Recanati (MC)
Colli Maceratesi doc Ribona '12 Monsfloris
Marche igt Incrocio Bruni '12 Strolleco 
Tutto questo è stato l’Infinito Wine & Seafood Festival in questi due giorni.
L’attenzione mediatica è stata alta, tanto da guadagnare una segnalazione sul tg2 Eat Parade e sul TGR Marche.
Foto e testimonianza di ciò è già visibile sulla pagina Facebook "Infinito Wine Festival" e a breve verranno pubblicate sul sito www.infinitowinefestival.it
Recanati, 4 maggio 2014
Associazione Culturale Enogastronomia.it
Via Fratelli Bandiera, 83 - 62012 Civitanova Marche (MC)
marketing@enogastronomia.it
www.infinitowinefestival.it
Azienda Fontezoppa - Civitanova Marche Alta (MC)
Colli Maceratesi doc Ribona '11
- Le mie considerazioni a margine, nella sezione "commenti" a questo post -

lunedì 5 maggio 2014

Naturale 2014, Fiera del Vino Artigianale, Navelli (AQ)

La 3^ edizione di NATURALE avrà luogo nei giorni 10, 11 maggio 2014 nella splendida cornice di Palazzo Santucci a Navelli (AQ).
by: www.dinamichebio.it
NATURALE è la prima fiera del vino artigianale in Abruzzo.
E' un viaggio nel mondo del vino, fatto di assaggi liberi, degustazioni guidate e conferenze.
E' una rassegna di grandi vini, unici come le annate, i territori e i vignaioli che li producono.
E' un incontro tra persone, occasione di socialità, una festa che accoglie tutti.
E' uno stimolo alla riflessione sulla cultura alimentare e del consumo dei nostri giorni.
E' un tributo alla figura del vignaiolo-contadino, ultimo custode degli equilibri naturali e produttore del nostro cibo.
E' il piacere della riscoperta di tradizioni antiche, sapori e profumi dimenticati.
(fonte: dinamichebio.it)

Orari di apertura al pubblico:
Sabato 10 Maggio dalle ore 12.00 alle ore 20.00
Domenica 11 Maggio dalle ore 12.00 alle ore 20.00
*Biglietto di ingresso € 15
**Per i gruppi organizzati che superano le 10 persone il costo di ingresso è di € 10.
Include la libera degustazione dei vini presso i banchi d'assaggio delle aziende partecipanti.

elenco espositori, degustazioni guidate, verticali, seminari, prenotazioni, contatti:
http://www.dinamichebio.it/naturale/

sabato 3 maggio 2014

Anteprima Vini della Costa Toscana 2014, Lucca

13° Anteprima Vini della Costa Toscana
Dalle Apuane alla Maremma, “l’altra Toscana” nel suo tradizionale appuntamento annuale presenta il meglio della produzione enologica del territorio.
Oltre 80 vitivinicoltori delle province di Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto.
400 etichette, laboratori di degustazione, show cooking, enoteca, mostre-installazioni, gastronomia.
Lucca - Real Collegio - sabato 10 e domenica 11 maggio 2014
ingresso € 20
ingresso ridotto € 15 per soci Ais, Fisar, Onav, Slow Food
ingresso gratuito per operatori professionali del settore vino
contatti e accreditihttp://www.anteprimavini.com/contatti.php

Orario di apertura dei “banchi d’assaggio” dei vini della Costa Toscana:
- il SABATO dalle ore 12.00 alle ore 23.00

- la DOMENICA dalle ore 11.00 alle ore 20.00

Calendario eventi e appuntamenti: http://www.anteprimavini.com/calendario.php

“Anteprima Vini” è un’iniziativa dell’associazione:
Grandi Cru della Costa Toscana
Sede legale: Località San Guido 45 - 57022 Bolgheri (LI), Italia
chiostro Real Collegio