venerdì 29 giugno 2012

Tipicità Estate 2012 a Fermo

Conferenza stampa di presentazione di Tipicità Estate 2012. Un format nato qualche anno fa per dare continuità a quello primaverile di località Girola http://www.tipicita.it/ (n.d.r.: con specifico riferimento a quest’ultimo, nel corso della conferenza stampa l’assessore al turismo della città di Fermo ha tenuto ad escludere qualsiasi ipotesi futura di delocalizzazione, peraltro da più parti paventata; anzi garantendo alle prossime edizioni un’area espositiva tra i 10 e i 12 mila metri quadri, pari circa al doppio di quelli attuali; in questo modo ufficializzando la nascita del nuovo polo fieristico fermano Fermo Forum).
Il sindaco di Fermo, gli assessori al turismo della città e della provincia , il presidente della camera di commercio, il direttore di Tipicità, hanno illustrato finalità e modalità dell’evento, che costituirà il fil-rouge di gran parte della stagione estiva, iniziandosi il 1° di luglio per terminare il 30 di agosto.
In sostanza Tipicità Estate aggregando in un unico luogo, vari centri del comprensorio fermano, produzioni tipiche, prestigiosi brands locali e piccole aziende artigiane, intende essere ambasciatrice della creatività e delle eccellenze di questo ambito territoriale; adottando la formula del turismo esperienziale che lega comparto del turismo, enogastronomia e artigianato in un’unica proposta promozionale.
Tipicità Estate si svolgerà nella suggestiva cornice delle Piccole Cisterne Romane in largo Calzecchi Onesti e si svilupperà su due binari: da un lato Mostra del Made in Marche, dall’altro Serate di Degustazione.
La Mostra del Made in Marche sarà una galleria del manifatturiero, delle produzioni enogastronomiche di qualità, dell’artigianato, del fashion. Aperta tutti i giorni di luglio e agosto (escluso il lunedì) dalle ore 18.30 alle 23.30, con ingresso libero.
Le Serate di Degustazione saranno 11, avranno un costo di 6 euro, comprensivo di degustazione e calice di vino. A partire dalle ore 18.30.
Di seguito il calendario delle 11 serate di degustazione.

Giovedì 5 luglio, a cura di Porto S. Giorgio. Le tradizioni della costa e le ricette dei pescatori raccontate dall’incontenibile verve del Cozzaro Nero.
Sabato 7 luglio, a cura di Confartigianato Imprese Fermo. “Le Grotte dei Sapori”: serata che vede protagonisti gli artigiani del gusto e del fashion. Un viaggio stimolante tra saperi e sapori (degustazione gratuita).
Giovedì 12 luglio, a cura del Circuito 5 Nodi. I paesi della valle del Tenna propongono come ricostituente naturale la “zuppa dei cinque nodi” con l’olio di cultivar Piantone di Falerone.
Giovedì 19 luglio, a cura di Sant’Elpidio a Mare. Il sapore dell’asparago. Il fascino del Museo della calzatura. L’arte della Pinacoteca Crivelli.
Giovedì 26 luglio, a cura di Pedaso. La notte delle cozze!
Giovedì 2 agosto, a cura di Porto Sant’Elpidio. Il pesce azzurro al centro della scena; incontro con sapori e profumi tipicamente nostrani.
Giovedì 9 agosto, a cura di Monterubbiano. Esclusivo appuntamento in anteprima della “Sagra della tagliatella fritta”.
Venerdì 10 agosto, a cura dei pescatori di Porto S. Giorgio. Le tradizioni del porto raccontate dai marinai sangiorgesi. Un’occasione unica per assaporare le ricette tramandate sulle banchine.
Giovedì 16 agosto, a cura di Amandola. Anteprima della 200^ edizione della festa del Beato Antonio e della “Sagra della fregnaccia”. Una rara opportunità per conoscere questo antico piatto.
Giovedì 23 agosto, a cura di Torre San Patrizio. Appuntamento che anticipa la tradizionale “Castagnata d’autunno”. Protagonisti della serata: legumi, vino, olio extravergine d’oliva.
Giovedì 30 agosto, a cura di Ortezzano. Anteprima della “Festa del vino” in programma a settembre. In abbinamento salumi tipici del fermano.

lunedì 25 giugno 2012

Calendario Estivo 2012 di Porto San Giorgio

Sabato 23 giugno nella suggestiva cornice di Rivafiorita, conferenza stampa di presentazione del Calendario Manifestazioni Estive 2012 di Porto San Giorgio (FM).
In fase d'illustrazione, Sindaco ed Assessori al turismo della città e della provincia, hanno posto l'accento non tanto sui singoli eventi del palinsesto, quanto sul progetto di largo respiro che l'Amministrazione intende perseguire nel medio/lungo periodo.
La stagione entrante infatti non sembra prospettarsi positiva, essendo destinato il settore turistico a subire nel breve, i contraccolpi della crisi economica.
Inoltre il momento interlocutorio di trapasso da un'amministrazione all'altra, ha finito per condizionare le scelte di rinnovamento e qualificazione dell'offerta nell'immediato.
Dai vari interventi è comunque emerso un intento forte verso il rilancio dell'immagine della città.
La scelta stessa di Rivafiorita (ex luogo simbolo dell'estate sangiorgese anni '60), può essere interpretato come d'auspicio per il ripristino di antichi fasti.
In sostanza l'obiettivo futuro primario, sarà quello di realizzare un'offerta turistica ben caratterizzata e con precisa identità; che adotti i criteri del turismo sostenibile, non necessariamente di massa, ma più a misura della città; possibilmente decentralizzando verso le periferie ed altri luoghi caratteristici o di particolare interesse storico/architettonico; che faccia leva in particolar modo su arte e cultura.
Senza tuttavia tralasciare altri aspetti, come ad esempio la vocazione sportiva della città o le tradizioni popolari più radicate, ben rappresentate ad esempio nella kermesse Pro Loco in Festa (evento in grado di legare costa ed entroterra, offrire uno spaccato di storia e civiltà di questo ambito territoriale, attuare di fatto un vero e proprio pacchetto promozionale a favore dell'intero comprensorio).
Per inciso, la dodicesima edizione di Pro Loco in Festa (una dell'edizioni scorse: http://prolocoinfesta 9^edizione ) andrà in programma il 29/30 giugno e 1 luglio.
stands pro loco sul lungomare 


L'intero programma estivo 2012









sabato 23 giugno 2012

Verdicchio di Matelica riserva Cambrugiano '08, Belisario winery.

Ventiquattro mesi complessivi d'affinamento tra acciaio, botti di rovere e bottiglia per questa Riserva di bell’ampiezza; in grado di evolvere nel corso della degustazione, denotando struttura composita, articolata, motilità.
Per favorire lo sviluppo di tali dinamiche e meglio apprezzarlo, ritengo vada degustato ad una temperatura non inferiore ai 14°C.
Ottenuto da uva Verdicchio dell'areale matelicese, si presenta di un bel colore giallo paglierino carico.
Variegate le note olfattive, che spaziano in ampiezza e verticalità.
In evidenza frutto esotico, fico d’india, frutta secca (gherigli di noce, pinoli), mineralità.
Perfettamente coerente nella successiva fase.
Al gusto trovano infatti conferma le evidenze olfattive, arricchite da note più marcate di buccia d’agrume e mandarino.
Toni maturi e freschezza vanno a braccetto, trovando ideale sintesi.
Tendenza morbida su toni surmaturi e sulle note di frutta secca, contrappuntati da sufficiente freschezza in centrobocca.
Finale ampio, caratterizzato da rimandi minerali e salsedine marina.

Verdicchio di Matelica doc riserva '08 Cambrugiano
alcool 13 % - € 16 in carta ristorante.
Cantine Belisario, Matelica (MC).
http://www.belisario.it/

Abbinato su: pagello dell'Adriatico alla griglia

sabato 16 giugno 2012

Trentino Rebo '09 e pasta la Gricia.

Vino ottenuto da uva Rebo, vitigno tipico trentino creato dallo sperimentatore Rebo Rigotti incrociando Merlot e Teroldego.
Trova la zona d’elezione nella Valle dei Laghi (tra la città di Trento e il confine trentino del Lago di Garda).
In quest’area opera Cantina Toblino, società cooperativa che conta oltre 600 soci conferitori.
Il vino si presenta di un bel colore rosso rubino scuro, con riflessi violacei.
Naso giocato su toni delicati di tipo prevalentemente floreale: note di violetta, fragolina fresca, leggera speziatura, evidenze vinose.
Al gusto trovano corrispondenza le sensazioni già rilevate all’olfazione, con l’unica variante dei caratteri floreali e fruttati, ora sovrastati dalle componenti speziate: pepe bianco, spezie dolci, noce moscata.
Certamente non è vino di particolare complessità e struttura.
Tuttavia nell’insieme, risulta armonico, equilibrato tra parti dure e morbide, sostanzialmente fine.
Lo si potrebbe catalogare tra i vini quotidiani con valenza di qualità.

abbinamenti:
primi piatti di pasta, carni bianche, animali di bassa corte
pasta la "Gricia"
Ricetta pasta la "Gricia" e video live:
Rosolare il guanciale tagliato a listarelle in una padella con olio e pepe nero, in modo da far sciogliere il grasso.
In un'altra pentola far cuocere la pasta in acqua salata e scolarla al dente nella padella dove è stato saltato il guanciale, aggiungendo un po' d'acqua di cottura, pecorino romano grattugiato e pepe nero in abbondanza.
Si serve spolverando ancora di pecorino romano.

Trentino doc Rebo ’09 – alcool 13 % - circa € 8.
Cantina Toblino, 38072 Calavino (TN).
www.toblino.it

sabato 9 giugno 2012

VinFermo 2012, report 1^ edizione.

Bilancio tutto sommato positivo per il debuttante evento vinicolo fermano, svoltosi il 2/3/4 giugno scorsi.
Successo di pubblico e partecipazione. In particolare le due giornate di libere degustazioni hanno fatto registrare un afflusso oltre ogni previsione.
Due dati soprattutto ritengo di sottolineare.
1) Ove ce ne fosse stato bisogno, il centro storico di Fermo, gli spazi suggestivi al suo interno e la stessa struttura urbanistica della città, hanno confermato d'essere cornice ideale per eventi di questo tipo.
2) Una ventata di ottimismo palpabile ha pervaso l'intera manifestazione, come se l'iniziale entusiasmo di codesto apparato organizzativo al debutto www.vinfermo.it , abbia poi contagiato pubblico ed espositori, portandoli a scrollarsi di dosso le tossine della crisi economica che tutti coinvolge, per ripartire verso obiettivi nuovi.

La sola giornata di lunedì 4 riservata al comparto HO.RE.CA, ha fatto registrare qualche defezione.
Incidente di percorso possibile, soprattutto in un evento alla sua prima edizione.
Ritengo comunque che inquadrandola meglio, ovvero mettendone a punto orari, logistica, tematiche da dibattere e perchè no, possibili interventi di relatori qualificati, questa terza giornata possa diventare nelle future edizioni, un'occasione significativa di confronto, proposta concreta e analisi; nonchè momento centrale di coesione tra gli operatori del settore, impegnati nel tentativo di soluzione delle criticità esistenti.
degustazione guidata a cura dell'Ais delegazione di Fermo, presso il bar Capolinea
Per ciò che concerne il livello qualitativo dei vini proposti, anche in questo caso conferme positive.
Azienda Finocchi di Staffolo (AN)
Ovviamente l'andamento stagionale può incidere sulla maggiore o minore riuscita di una stessa etichetta; ma al di là di questo fisiologico aspetto, credo che il dato sensibile rilevato nell'occasione, sia stato quello del trend costante, evidenziatosi progressivamente negli ultimi anni, verso l'ampliamento della base produttiva di qualità e conseguente miglioramento del livello medio complessivo.
Azienda Casaleta di Serra dei Conti (AN)
Sulla base delle degustazioni fatte, segnalare una lista di etichette ritenute degne di nota, significherebbe fare un torto alle rimanenti. Anche perchè ogni produttore presente, è sembrato tendere alla realizzazione di vini con precisa carica identitaria; orgogliosamente collegati ai territori d'origine, d'espressione varietale tipica, ma comunque e sempre, frutto d'interpretazioni ed esperienze individuali del singolo viticoltore.
Solo per questo carattere d'autenticità oggettivamente emerso, andrebbero tutti segnalati.
Azienda Fausti di Fermo
Mi limito perciò ad indicare soltanto 5 etichette, che ritengo emblematiche dell'intero movimento e per quanto mi riguarda, assolutamente fuori discussione.
Offida Passerina doc Milia '11 dell'azienda Irene Cameli di Castorano (AP).
Verdicchio dei Castelli di Jesi classico superiore Il Pojo '10 dell'azienda Finocchi di Staffolo (AN).
Rosso Piceno Sangiovese doc Dolce Vite '08 dell'azienda Irene Cameli di Castorano (AP).
Marche rosso Sangiovese igt Orano '08 dell'azienda Maria Pia Castelli di Monte Urano (FM).
Marche rosso igt Vespro '08 (syrah 30%, montepulciano 70%) dell'azienda Fausti di Fermo.
Azienda Dianetti di Carassai (AP)
L'elenco completo dei produttori partecipanti alla 1^ edizione di VinFermo:
http://vinfermo-2012-conferenza-stampa-di.html
degustazioni nelle Piccole Cisterne Romane

martedì 5 giugno 2012

Di Arte in Vino 2012 a Sant'Elpidio a Mare

L'evento vinicolo/artistico si svolgerà anche quest'anno nelle sale sotterranee di Palazzo Montalto Nannerini sede della Nobile Contrada S.Giovanni, in piazzale Marconi a Sant'Elpidio a Mare (Fm).
Ormai si moltiplicano sia in ambito regionale che nazionale, manifestazioni che fanno leva sul format: eccellenze vinicole - prerogative culturali della località ospitante.
L'obiettivo di tali formule, a mio parere è duplice.
Da un lato vivificare il palinsesto turistico, anche inquadrandosi in una logica di destagionalizzazione; dall'altro puntare ad un'offerta qualificata, non necessariamente di massa; rivolgendosi per questo ad un target mirato, attento, competente.

La mostra dell'artista Elisabetta Rogai, farà da contrappunto alla suggestiva location medioevale di Palazzo Montalto Nannerini.

Di Arte in Vino giunto alla 6^ edizione, si svolgerà sabato 9 e domenica 10 giugno e vedrà la partecipazione di 10 aziende vinicole marchigiane.
web: www.diarteinvino.com

Borgo Paglianetto di Matelica (MC)
Casalis Douhet di Potenza Picena (MC)
Fiorini di Barchi (PU)
Lumavite di Rapagnano (FM)
Mancinelli di Morro D'Alba (AN)
Moncaro di Montecarotto (AN)
Moroder di Montacuto (AN)
Rio Maggio di Montegranaro (FM)
San Giovanni di Offida (AP)
Saputi di Colmurano (MC)

venerdì 1 giugno 2012

Vigneti Vallorani, Colli del Tronto (AP).

Piccola azienda vinicola emergente, in un territorio vocato com'è la provincia di Ascoli Piceno.
Poco più di 20.000 bottiglie all'anno, ricavate da circa 7 ettari dedicati esclusivamente ai vitigni autoctoni: Trebbiano, Passerina, Pecorino, Malvasia, Montepulciano, Sangiovese.
Vigne piuttosto datate, di età variabile tra i 25 e i 40 anni, ad eccezione di una piccola parcella di Sangiovese di recente impianto.
vecchie viti di Trebbiano di oltre 40 anni
Convertita al biologico da oltre 15 anni, l'azienda dispone di cantina eco-compatibile, impianti di trasformazione d'avanguardia, impianto fotovoltaico autonomo di 13 kW.
L'attività ultrasettantennale, è ora totalmente gestita dai fratelli Rocco e Stefano Vallorani, poco più che trentenni: il primo con tanto di titoli enologici, specializzazione ed esperienze acquisite presso aziende vinicole italiane (Barba, Siro Pacenti) ed estere (Francia, Nuova Zelanda), il secondo avviato sullo stesso percorso di specializzazione.
Due dati salienti credo di poter ricavare dalla visita e dai colloqui avuti in azienda.
1) Preparazione tecnica, visione di prospettiva e motivazione, caratterizzano l'attuale gestione; a conferma che il ricambio generazionale rappresenta la linfa vitale indispensabile per qualsiasi realtà produttiva, sia piccola che grande.
2) L'approccio realistico o per meglio dire, il sano pragmatismo della suddetta gestione: certamente non incline ai facili entusiasmi o alla ricerca di rapidi successi, quanto piuttosto convinta di ottenerli in modo graduale, mettendo a frutto sperimentazioni e facendo tesoro d'esperienze.
L'impressione di fondo è che si stiano ora gettando le basi per l'evoluzione prossima futura.

Etichette testate in occasione della visita:
Falerio dop '10 Avora (Passerina, Pecorino e Trebbiano di 42 anni): interessante bouquet di profumi, di buona coerenza gustolfattiva, attacco gustativo giocato su note agrumate, frutto esotico, mineralità e nota amarognola tipica in chiusura. alcool 12,5% - circa € 13 - 6660 bottiglie prodotte.
Rosso Piceno dop '10 Polisia (Montepulciano 40% - Sangiovese 60%): rubino di media consistenza, note olfattive giocate su evidenze floreali di violetta e vinosità. Al gusto esprime maggiore maturità, la nota d'amarena del Montepulciano infatti, sembra sovrastata da sensazioni erbacee e anche speziate di chiodo di garofano. alcool 14% - circa € 15 - 5400 bottiglie prodotte.
Vini espressione di territorio, smussati nei caratteri e declinati nel senso della finezza.

Etichette testate in altre circostanze:
Offida docg Passerina '11 Zaccarì (fermentata e affinata in tonneau da 400 litri)

Falerio doc '11 Avora

Rosso Piceno Superiore doc '10 Konè

Vigneti Vallorani
contrada La Rocca 28, Colli del Tronto (AP)
http://vignetivallorani.com/

video intervista a cura di OrganiC%L